Combattivo ma non decisivo, Russo argento nella boxe

Il pugile di Marcianise è stato battuto 4-2 da Rakhim Chakhkiev. Un altro secondo posto italiano dopo quello di Josefa Idem

Ci ha creduto fino all’ultimo ma l’oro è sfumato. Nella finale olimpica di pugilato dei pesi massimi Clemente Russo, l’atleta di Marcianise, è stato battuto 4-2 dal russo Rakhim Chakhkiev. Un incontro difficile. I due pugili si sono studiati a lungo, pochi colpi a segno, tanti da lontano. Peccato per Russo che dopo una partenza difficoltosa nei primi due round (1-0 per Chakhkiev alla fine del primo, 2-0 e poi 2-1 nel secondo) sembrava aver trovato la strada giusta per ribaltare il risultato. I due pugili hanno legato spesso e sono rimasti a parimerito fino a pochi minuti dalla fine della gara ma è proprio all’inizio del quarto round che Chakhkiev ha reso più duro l’attacco 3-2 per poi concludere con 4-2 finale. Un risultato con un po’ di amarezza ma comunque prezioso per il pugile italiano che porta a 27 le medaglie azzurre dopo l’argento ottenuto da Josefa Idem nel K1 500 donne.

Nel 2007 Clemente Russo, aveva già incontrato in finale Rakhim Chakhkiev ma il match, in quel caso, si concluse con un risultato diverso, quello che lo portò sul gradino più alto del podio iridato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore