Al via i lavori per la funivia del Monte Moro

Iniziano lunedì 5 ottobre e dureranno 60 giorni i lavori per ripristinare la funizia che si era rotta lo scorso 13 aprile

Il 13 aprile scorso, giorno di Pasquetta, la fune si ruppe, gettando nel panico centinaia di sciatori che si stavano godendo una delle ultime discese a Macugnaga.
La Funivia del Monte Moro venne chiusa. Domani, lunedì 5 ottobre, partiranno i lavori di sostituzione  i lavori di sostituzione di funi e pulegge per ripristinare la funzionalità dell’impianto di risalita. La gara è stata aggiudicata e l’opera costerà 750 mila euro finanziati da Regione e Provincia. Secondo il cronogramma, l’intervento dovrebbe durare 60 giorni, un tempo congruo per permettere la riapertura della stagione invernale puntualmente l’otto dicembre prossimo.
Per tutta l’estate, Macugnaga ha sofferto la mancanza della sua principale attrattiva: la risalita al Monte Moro, anche se il bilancio del Sindaco dell’estate che si è appena conclusa è più che lusinghiero.

Galleria fotografica

Macugnaga, si rompe un cavo della funivia 4 di 12
Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Ottobre 2009
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Macugnaga, si rompe un cavo della funivia 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.