La Pedemontana verde corre sui binari abbandonati

Questa è la proposta emersa nel convegno sulla "Pedemontana Verde": che potrebbe arrivare fino al lago Maggiore (con la Varese - Luino) ma che può essere fermata dalle rotonde (come quella di Malnate)

un esembio di ciclabile al posto di una vecchia ferrovia: le vias verdes in SpagnaAl posto di pezzi di ferrovie abbandonate, una vera e propria "autostrada per le bici" che permetta agli appassionati di percorrere molti chilometri in suggestivi punti d’Italia in tutta sicurezza. È questa una delle ipotesi che per dare alle zone interessate dalla Pedemontana una alternativa verde – e uno sbocco turistico, come accade per esempio sul Danubio – alle zone che stanno tra Lecco e Varese. Un’ importante occasione per fare il punto su questa  “via verde” pedemontana Como-Lecco-Varese è stato il convegno interprovinciale sulla mobilità sostenibile che si è svolto a Como in Villa Gallia, sede dell’ente provinciale.

L’idea è quella della realizzazione di piste ciclopedonali lungo il sedime e il recupero degli antichi tracciati di tratte ferroviarie che di fatto collegano le tre province: una proposta che si inserisce nell’ambito del progetto sulla mobilità sostenibile in Lombardia, denominato Moslo, attivato dalla Consulta regionale lombarda degli architetti in collaborazione con tutti gli ordini provinciali, gli istituti di ricerca del dipartimento di architettura e pianificazione del Politecnico di Milano e del Dipartimento di ingegneria civile, architettura, territorio e ambiente dell’Università di Brescia.
Focus dell’incontro, al quale hanno partecipato oltre ai rappresentanti degli enti promotori e delle istituzioni un nutrito gruppo di sindaci dei comuni dislocati lungo il percorso della via verde, sono state infatti due tratte ferroviarie utilizzabili a est e ovest del capoluogo lariano, la Como-Lecco e la Grandate-Malnate. Sottoutilizzata la prima, dismessa nel 1966 la seconda. L’asse pedemontano di cui fanno parte i due tracciati è uno dei pochi assi trasversali della nostra regione. I due percorsi hanno caratteristiche che li rendono particolarmente adatti per la creazione di un sistema di mobilità ferroviaria e di reti ciclopedonali che hanno fatto la fortuna di numerosi territori dell’Unione europea.

Nel caso della Grandate-Malnate il tracciato è già di per sè un percorso ciclopedonale, che necessita tuttavia di un salto di qualità, necessità cioè di essere attrezzato, segnalato e messo in rete. Un recupero possibile ed ecosostenibile di un tracciato lungo 16 chilometri che attraversa undici comuni e due province, che consentirebbe di valorizzare il territorio e conservare la memoria di una tratta che entrò in esercizio nel 1885. La bellezza dei paesaggi che attraversa è tale che il piano paesaggistico della Regione Lombardia del 2010 l’ha individuata come “corridoio verde”. Si tratta ora di superare le criticità rappresentate dagli interventi recenti delle varie amministrazioni locali, per contenere e far cessare la parcellizzazione del percorso e assicurarne la continuità: uno di questi, la recente realizzazione della rotonda di San Salvatore nel territorio del Comune di Malnate, ha portato all’elisione di parte del casello ferroviario, ben visibile a chiunque percorra quel tratto stradale.

La presidente dell’ordine degli Architetti di Varese, Laura Gianetti, è intervenuta invece sulla tratta Varese-Luino, prolungamento ideale della via verde che ne completa il percorso e lo conclude tuffandosi nel Lago Maggiore. L’ex sedime tranviario attraversa territori di grande interesse naturalistico, ma anche caratterizzati da manufatti di pregio. La linea, che entrò in esercizio nel 1905 e fu dismessa intorno al 1950, ben si presta per un recupero ciclopedonale, così come ha spiegato l’architetto Ilaria Gorla che, insieme ai colleghi Francesca e Rino Villa, si occupa del progetto. Per lunghi tratti protetto dal traffico veicolare, una prima proposta di tracciato è stata formulata ed ora si attende che l’Amministrazione comunale allestisca un Tavolo tecnico per coordinare gli interventi.

L’idea di riconvertire le vecchie strade ferrate in “green way”, percorsi lineari verdi, non è nuova ma ampiamente collaudata e applicata sia in territorio nazionale che in Europa. Questi tracciati, che collegano svariate preziosità del territorio – paesaggistiche, ricreative, culturali, naturalistiche, faunistiche… – si contraddistinguono per la complessità delle risorse che “mettono in sistema”. Le Vias Verdes in Spagna, le ciclovie della Valle Brembana, il parco lineare tra Caltagirone e piazza Armerina, sono solo qualche esempio di percorsi storici che generano valore per la popolazione locale e attirano un turismo sempre più attento e attratto dalle bellezze di territori unici dove natura, paesaggi, scenari, edifici storici, archeologia industriale, si svelano da punti di vista e angolazioni del tutto diverse e insolite, in alternativa ai classici percorsi turistici finora battuti.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 30 Giugno 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.