No Tav contestano all’Università di Lugano

Bersaglio degli anarchici era il procuratore di Torino Giancarlo Caselli, che ha coordinato l'indagine che ha portato all'arresto di militanti dell'ala dura del movimento

Pomeriggio agitato all’Università della Svizzera Italiana di Lugano: un gruppo di anarchici ha contestato a gran voce il procuratore capo di Torino Giancarlo Caselli, che ha coordinato l’indagine che ha portato all’arresto di militanti dell’ala dura del movimento No Tav. Caselli era a Lugano insieme al procuratore milanese Armando Spataro per una lezione dal titolo "Politica e giustizia: quale rapporto".
I contestatori – una ventina in tutto – sono intervenuti quando Caselli aveva pronunciato solo poche parole: allontanati dall’aula, avrebbero lanciato qualche palla di neve contro gli agenti di polizia e ci sarebbe stato qualche limitato contatto fisico. La mobilitazione era stata annunciata nei giorni scorsi anche da Indymedia Svizzera, che sostiene la lotta No Tav contro l’Alta Velocità in Val di Susa (Torino).

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 01 Febbraio 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.