Prati: “La telecamere serve per la sicurezza, non per spiare i dipendenti”

La risposta della sindaca alle critiche per l'installazione di una telecamera di videosorveglianza nel parcheggio pubblico situato tra il palazzo municipale e la casa della cultura

Riceviamo e pubblichiamo la risposta delle sindaca di Cardano al Campo Laura Prati alle critiche sull’installazione di una telecamera di videosorveglianza nel parcheggio pubblico situato tra il palazzo municipale e la casa della cultura. 

«Chiediamo di non strumentalizzare situazioni che non si conoscono a fondo. Lo scorso 20 novembre, rispondendo ad una richiesta delle Rsu comunali, abbiamo organizzato un incontro in cui abbiamo offerto, a chi aveva espresso dubbi o disagi, tutte le spiegazioni e le motivazioni richieste a proposito dell’utilizzo della telecamera, dimostrandone le precipue finalità di sicurezza, perciò rigettiamo totalmente le accuse strumentali di chi vuole conquistare qualche riga sui giornali invece di guardare al bene della collettività, che è il nostro unico interesse. Chi si comporta in questo modo forse farebbe meglio ad informarsi con i rappresentanti sindacali della sua sigla, che hanno ricevuto dettagliate spiegazioni a riguardo, e soprattutto dovrebbe cercare di riferire correttamente i fatti. Ricordiamo a tutti che in quel parcheggio, che è pubblico e aperto al passaggio dei cittadini residenti che si recano in piazza Mazzini, è stato rilevato un problema di sicurezza (un mese fa si è verificata un’aggressione) per il quale abbiamo ritenuto opportuno rispondere con l’installazione di una telecamera di videosorveglianza con finalità di prevenzione degli episodi di microcriminalità e di vandalismo. La telecamera, come verificato personalmente da me e dall’assessore alla sicurezza Nicola Del Vecchio, riprende esclusivamente il parcheggio pubblico e non gli uffici comunali. Non stiamo spiando i dipendenti come qualcuno strumentalmente vuole far credere. Lo ha già fatto la Guardia di Finanza, compiendo il proprio dovere, nel corso di un’indagine che ha portato ad una condanna di primo grado molto pesante nei confronti di alcuni dipendenti comunali, vicenda che mi amareggia particolarmente come Sindaca. A proposito di questo spiacevole episodio, ci rimettiamo ai giudici senza entrare nel merito delle decisioni, ma prendendo atto del dispositivo della sentenza, di cui aspettiamo le motivazioni, spero a breve».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 22 Novembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.