Yama, una notte di follia a Treviso

Busto Arsizio si arrende al tie break contro Conegliano nell’andata dei quarti di Coppa Italia: oltre due ore di battaglia, alle biancorosse manca il guizzo finale. Super Calloni, Brinker sostituisce Faucette

Brividi, fatica, follie: succede di tutto al Palaverde di Treviso, e alla fine arriva la grande sorpresa. Conegliano, ottava in classifica in campionato, batte Busto Arsizio, campione d’inverno, nell’andata dei quarti di finale di Coppa Italia. Lo fa con grande merito, al tie break, dopo cinque match point annullati e oltre due ore di partita dall’andamento schizofrenico: primo e terzo set dominati dalle venete, secondo e quarto tutti di Busto che poi spreca nel set decisivo (era avanti 9-12). Una notte magica dal punto di vista delle “pantere”, che finalmente riescono nell’impresa di… espugnare il proprio palazzetto, in cui non avevano mai vinto; un passaggio a vuoto inaspettato per la Unendo Yamamay, che prima di Natale si era imposta con un nettissimo 3-0 sul campo dell’Imoco. Parisi rinuncia per scelta tecnica a Faucette, ma non va ricercato in questa mossa il bandolo della matassa perché la sostituta Brinker, dopo un inizio disastroso (5 errori diretti in ricezione), chiude addirittura come top scorer con 18 punti e il 42% in attacco. Troppi, piuttosto, i 15 errori in attacco e le 16 murate subite dalle biancorosse; non basta la solita Arrighetti, mentre dall’altra parte brillano Calloni, Crozzolin e Nikolova. Verdetto ovviamente ancora apertissimo in vista della gara di ritorno: domenica al PalaYamamay bisognerà ribaltare il risultato, impresa ampiamente alla portata di questa Yama.

LA PARTITA – Sorpresa nelle formazioni iniziali: Parisi preferisce Brinker a Faucette, mentre Conegliano schiera il sestetto titolare. Il primo set della Unendo Yamamay è davvero disastroso: nessun muro-punto contro 6 di Conegliano, che trova una scatenata Calloni per l’8-4 e l’11-6. Nikolova allunga sul 15-8, Parisi inserisce Lombardo per Marcon, ma l’Imoco vola 19-9 e poi addirittura 21-10 prima del 25-14 firmato da Barcellini. La scossa bustocca arriva nel secondo set: in attacco è Marcon a trascinare le compagne, realizzando il 4-8, poi Kozuch e Arrighetti si fanno sentire a muro per il 7-11. Conegliano non molla e si riavvicina sul 12-13, ma dopo il time out chiamato da Parisi ancora due muri di Arrighetti e Marcon segnano la svolta. Dal 14-16 c’è una squadra sola in campo, Bauer si regala due punti di fila per il 15-21 e Brinker chiude sul 17-25, pareggiando il conto dei set.

Nel terzo parziale riprende la marcia di Conegliano: dopo l’8-5 firmato da Nikolova, Arrighetti riporta sotto le biancorosse (10-9) ma le padrone di casa rispondono con un controbreak di 6-0. Ancora dentro Lombardo, che mette lo zampino nel tentativo di rimonta biancorosso per il 18-13; Kozuch e un errore di Fiorin tengono accesa la speranza (21-18), poi però Nikolova e Barcellini chiudono ogni discorso per il 25-19. La Yama lotta con le unghie e con i denti nel quarto set: 7-8 di Marcon, 11-12 di Brinker, ma Conegliano non molla e torna in vantaggio con Barcellini (16-15). Marcon firma un importante break per il 18-20 e Pisani, appena entrata, realizza il fondamentale muro del 19-23; l’Imoco recupera due punti, poi si arrende all’attacco vincente di Kozuch per il 21-25. È tie break, come nell’ultima gara interna persa dalle venete.

Busto stavolta parte benissimo e si porta sull’1-4 con Marcon, poi sul 2-6 con Kozuch; Bauer a muro e in attacco sembra poter gestire il vantaggio (5-9, 7-10), invece dal 9-12 firmato da Brinker si passa direttamente al 13-12 con Camera e Nikolova. Inizia la tortura dei match point: Busto ne conquista solo uno, sul 14-15, annullato da un errore di Kozuch. Quelli di Conegliano invece sono ben sei, e sull’ultimo (20-19) ci sono anche grandi contestazioni da parte bustocca per un tocco non fischiato un attacco di Marcon; sia come sia, stavolta la squadra di casa non sbaglia e si aggiudica set e partita grazie a Nikolova.

Imoco Conegliano-Unendo Yamamay Busto Arsizio 3-2 (25-14, 17-25, 25-19, 21-25, 21-19)
Conegliano
: Agostinetto, Maruotti, Fiorin 15, Daminato (L), Efimienko, Camera, Zanotto, Rossetto (L), Calloni 16, Nikolova 23, Crozzolin 14, Barcellini 15. All. Gaspari.
Busto A.: Faucette, Cialfi ne, Brinker 18, Leonardi (L), Marcon 14, Bauer 13, Kozuch 13, Lombardo 4, Arrighetti 15, Caracuta 1, Pisani 1, Bisconti. All. Parisi.
Arbitri: Gianluca Cappello e Daniele Zucca.
Note: Spettatori 1500. Conegliano: battute vincenti 3, battute sbagliate 8, attacco 38%, ricezione 82%-44%, muri 16, errori 23. Busto: battute vincenti 0, battute sbagliate 7, attacco 41%, ricezione 76%-38%, muri 12, errori 26.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.