C’è ottimismo a “la casa in piazza”

Nel prossimo fine-settimana si svolgerà la quarta edizione della Borsa Immobiliare. E, per la prima volta, si respira tra gli operatori interessati un clima di speranza

Al grido di “Offresi vita di qualità, con abitazione annessa!” nel prossimo fine-settimana si svolgerà la quarta edizione della Borsa Immobiliare “La Casa in Piazza”: un evento ricercato dagli utenti e importante per Varese e la provincia, perché coinvolge comparti che hanno una forte ricaduta sull’ economia del territorio. E, per la prima volta, si respira tra gli operatori interessati un clima di speranza: «C’è un ottimismo che non ho mai visto dalla prima edizione – esordisce la presidente di una delle tre associazioni di mediatori immobiliare coinvolta, Isabella Tafuro – E’ un momento ancora difficile, ma c’è la sensazione che qualcosa di inaspettato e positivo possa accadere».  D’altra parte, qualcosa in effetti sta già accadendo: «Da giugno in poi il trend dell’erogazione di mutui rispetto ai cinque anni precedenti è cambiato: per la prima volta è di nuovo in aumento» spiegano infatti le banche coinvolte.

Insomma, quest’anno operatori e clienti sono più disposti a sperare e sognare, in questa "passerella" del mercato immobiliare della provincia che ha già destato notevole interesse negli anni passati: sono stati infatti oltre 3.000 i visitatori dello scorso anno, con punte per gli operatori di 40 appuntamenti in agenda per sopralluoghi con potenziali acquirenti di immobili. «I dati di quest’anno, pur dovendo fare i conti con i morsi di una crisi feroce – sottolinea Riccardo Comerio, vicepresidente vicario della Camera di Commercio – sembrano confortarci: non solo viene confermato il numero degli operatori presenti alla Casa in Piazza, ma addirittura constatiamo una crescita del loro numero, che passa da 27 a 30». 

Così, da venerdì 25 a domenica 27 ottobre la Borsa Immobiliare si ripropone nella sede storica in Camera di Commercio di piazza Monte Grappa: una conferma per l’iniziativa promossa dall’ente camerale e realizzata dalla sua azienda speciale PromoVarese insieme alle associazioni degli agenti immobiliari (Anama, Fiaip e Fimaa) e dei costruttori (Ance) con la collaborazione del Consiglio Notarile di Milano, le associazioni dei Consumatori e due banche del territorio coinvolte, La Ubi e la Banca di Credito Cooperativo di Buguggiate e Busto Garolfo. «La provincia di Varese ha una delle piu importanti offerte immobiliari per paesaggio, vicinanza a Milano, collegamenti – spiega il presidente di PromoVarese Rudy Collini – L’auspicio è che questo trend positivo sia premiato da una presenza di visitatori ancor più alta della pur ottima cifra del 2012. Edizione nella quale s’instaurarono rapporti che poi portarono operatori e acquirenti a definire veri e propri contratti di compravendita».

Con un occhio, ancora una volta, a ciò che succede oltre provincia: in particolare Canton Ticino e Milano. Due zone su cui si è puntata anche la promozione, prendsendo spunto da una constatazione relativa alle scorse edizioni: sono stati parecchi infatti i milanesi che hanno colto l’occasione della Borsa Immobiliare per presentarsi a Varese e valutare la possibilità di trasferirvi la propria residenza, conciliando un territorio maggiormente "a misura d’uomo"con prezzi delle case inferiori, a parità di qualità, rispetto a quelli del capoluogo lombardo. E con una qualità della vita intesa a 360 gradi, compresa la preservazione del territorio: per esempio valorizzando l’ambito della ristrutturazione. «Ora si punta sulla ristrutturazione per adeguare gli immobili, soprattutto sul versante del risparmio energetico – evidenzia Gianpietro Ghiringhelli, direttore Ance – A fronte di un calo della domande del nuovo, oggi almeno il 70% della nostra attività in provincia di Varese è relativo proprio alla ristrutturazione». Ma anche attenzione alle prestazioni energetiche delle case da acquistare: «In questo momento difficile l’aspetto positivo delle trattative è quello che riguarda il risparmio energetico – Santino Taverna, presidente Fimaa –  Noi operatori abbiamo un ruolo fondamentale nell’indirizzare gli acquirenti verso immobili ad alte prestazioni energetiche. È questo un modo per integrare qualità della vita, tutela dei propri interessi con investimenti oculati e calo delle spese di manutenzione».

La tipologia immobiliare più richiesta sul mercato varesino resta comunque una: «I più richiesti i trilocali più servizi in appartamento –  spiega Sergio Salerno, vicepresidente Anama, prima di aggiungere – Quella che sta cambiando è la dimensione: si è scesi da una media di 110/120 metri quadrati a 90/100 metri quadrati».  Mentre cambia l’aspetto di chi acquista a Varese e provincia: «Negli ultimi quattro mesi abbiamo visto un cambiamento nel profilo dell’acquirente, per alcuni versi sorprendente – spiega Isabella Tafuro – Chi compra è una coppia giovane che ha ancora la speranza di vedere un futuro migliore. Di certo, sono giovani con un’attività professionale consolidata e che, spesso, possono contare sull’aiuto dei genitori. L’elemento distintivo che ravviso in loro è, però, soprattutto la fiducia in un domani con buone prospettive».

CASA IN PIAZZA: ORARI E INFORMAZIONI

La Casa in Piazza” verrà inaugurata venerdì alle 17.00 in Camera di Commercio per poi rimanere aperta dalle 10.00 alle 20.00 sia sabato che domenica. Non mancherà anche quest’anno la possibilità per i visitatori di usufruire di un servizio di consulenza gratuita sui temi della compravendita, sempre in collaborazione con il Consiglio Notarile di Milano e le Associazioni dei Mediatori Immobiliari. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi a PromoVarese (tel. 0332/295.310; email: info@lacasainpiazza.it).
E’ possibile anche restare aggiornati via Twitter, attraverso l’hashtag #lacasainpiazza.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.