Maialini salvati, la seconda vita di Peppo ed Ercolano

Stanno bene i due suini trasferiti l'estate scorsa in una struttura di Grosseto. Erano stati sequestrati da un'azienda che li teneva in pessime condizioni

Sono in ottima salute, in un recinto ampio e pulito, Peppo ed Ercolano. I maialini, due dei ventinove suini sequestrati l’estate scorsa a Morazzone, sono stati trasferiti nei mesi scorsi in provincia di Grosseto. I due animali sono stati affidati alle cure dell’Oasi-Rifugio Be Happy.
La titolare della struttura, la signora Rossana Rusticoni, ci ha inviato una foto della coppia, e assicurato che i due maiali ora vivono felici e sereni.

La vicenda che ha visto protagonisti questi suini risale al giugno scorso quando a Morazzone furono sequestrati una trentina di maiali detenuti in condizioni pessime.
L’operazione era stata decretata dalla Procura di Varese. Dopo il sequestro era stata offerta la possibilità di adottare gli animali. Alcuni piccoli sono stati affidati a un’azienda ecologica di Fenegrò, nel Comasco, altri esemplari sono stati trasferiti in aziende agricole di Firenze, Roma e Massa Carrara.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.