Una bomba esplode di fronte alla banca di Grecia

Nessun ferito per via di una chiamata che ha avvertito dello scoppio. Ingenti i danni, subito partite le indagini

bomba atene fotoUna bomba è esplosa nelle prime ore di oggi, 10 aprile, ad Atene di fronte alla Banca della Grecia. L’ordigno, ad alto potenziale, non ha provocato vittime: tre quarti d’ora prima dell’esplosione una telefonata ha avvertito le autorità dello scoppio.
La bomba, secondo le prime informazioni della polizia, era stata collocata dentro un’auto parcheggiata davanti all’edificio che ospita la Banca Centrale, poco distante dagli uffici della troika (Ue, Bce e Fmi). Il veicolo – una Nissan – era stato imbottito con almeno 75 chili di esplosivo.
L’attentato avviene il giorno dopo il ritorno della Grecia sui mercati internazionali dopo quattro anni di assenza e alla vigilia della visita ad Atene della cancelliera tedesca Angela Merkel.

Le indagini sull’attentato si starebbero già indirizzando verso Christodoulos Xiros, uno degli ex capi del disciolto gruppo estremista di sinistra greco ’17 novembre’, responsabile di 23 omicidi fra il 1975 e il 2000 ed evaso lo scorso gennaio da un carcere del Paese.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Aprile 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.