Indagine in Comune per un abuso edilizio

Sette fascicoli prelevati dagli inquirenti, indagata la dirigente al territorio e alcuni professionisti. Mercoledì è stato sentito anche il sindaco Danilo Rivolta, come persona informata sui fatti

La Procura di Busto Arsizio sta conducendo una indagine su un presunto abuso edilizio a Lonate Pozzolo: la procura settimana scorsa ha acquisito sette fascicoli di documenti dagli uffici del Comune e ci sono sei indagati, tra cui i professionisti che hanno firmato la richiesta di intervento edilizio e anche la dirigente dell’ufficio tecnico comunale.
Gli inquirenti lo scorso lunedì 23 gugno hanno acquisito sette fascicoli dagli uffici comunali.  L’indagine riguarda un capannone industriale di via Ossola, prima periferia di Lonate, il cui proprietario avrebbe realizzato anche ambienti residenziali, nonostante l’edificio avesse sola destinazione d’uso industriale (il cantiere è stato aperto il 23 maggio 2014): l’indagine sarebbe nata da una segnalazione, dopo che erano sorti contrasti sulla legittimità della concessione edilizia (pienamente legittima secondo alcuni, tra cui la dirigente, non regolare secondo altri). La vicenda risale a mesi fa, come conferma anche l’attuale sindaco Danilo Rivolta, allora assessore all’urbanistica: «Non conosco nè contenuto nè entità della questione, perché si tratta di una procedura estranea alla politica: sembra che sia nata una diatriba tra uffici comunali, posso dire che io non sono mai stato interessato dalla vicenda. Non posso dire che sia stato un fulmine a ciel sereno, la questione era emersa a gennaio-febbraio, ne ero stato informato dal segretario comunale». Lo stesso Rivolta è stato sentito nella giornata di mercoledì come persona informata sui fatti.


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 luglio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore