Quantcast

Libri usati o sconti: come ti combatto il caro libri

La spesa globale continua a salire, ecco, quindi, fiorire opportunità per tagliare i costi del "caro scuola". Dal bookinprogress ai mercatini ufficiali o meno interni agli istituti

Libro ma quanto mi costi? La spesa per l’acquisto dei testi e del materiale scolastico si ripresenta, annualmente, tra gli incubi della famiglie. Mentre per le elementari si tratta di comprare cartelle, astucci quaderni e … migliaia di copertine colorate, dalle medie i conti lievitano perchè si aggiungono i libri di testo che diventano ancora più numerosi e costosi proseguendo negli istituti superiori. Così, annualmente, si ripresentano le stime delle associazioni di consumatori che parlano di lievitazione della spesa.

Ma quanti sono i ragazzi che comprano libri “a cuor leggero”? Parliamo dei diversi tentativi di abbattere i costi che genitori, studenti ma, anche, scuole adottano per alleviare il salasso. 

Prima fra tutti a intercettare le difficoltà delle famiglie è la grande distribuzione che ormai da anni offre il servizio di vendita dei testi a prezzo scontato (15-20%) Poi i siti on line come il Libraccio e Amazon che propongono acquisti anche di libri usati. 

Ci sono, poi, dei tentativi di superare il tradizionale acquisto nei punti vendita: alcune scuole organizzano mercatini interni. È il caso dell’Ite Tosi di Busto dove l’Associazione Noi del Tosi si è fatta promotrice di bancarelle dell’usato dove i ragazzi hanno potuto rivendere ai compagni più giovani i testi ancora in adozione: una prima vendita si è svolta a luglio mentre la ripresa è in programma per la prima settimana di settembre, dedicata a chi ha recuperato i debiti. Un mercatino non ufficiale, reso vivo dal tam tam interno, avviene all’Itpa Casula di Varese dove i ragazzi, a fine anno, chiedono ai docenti quali libri occorreranno anche nell’anno successivo. In questo modo, grazie anche ai professori attenti a non modificare ogni anno le edizioni adottate, si riesce a superare in modo “solidale” l’investimento economico in cultura. 

Chiaramente, dal tam tam rimangono esclusi gli studenti delle prime che, chiaramente, non fanno parte del circuito e sono costretti ad arrangiarsi con altri sistemi. Per questo motivo, molti studenti chiedono l’istituzione di un sistema più o meno istituzionale di scambio di libri in modo fisico o virtuale: al liceo artistico Frattini di Varese i ragazzi si contattano sulla pagina Facebook della scuola.

Una soluzione drastica è stata presa dal Tosi di Busto che, ai ragazzi del biennio iniziale, fornisce i testi “fatti in casa”. Parliamo del book in progress, testi realizzati da diverse equipe di docenti messi in rete nel corso degli anni e che si “autoproducono” i libri permettendo agli alunni di risparmiare il 50% dei costi: « Diciamo che ormai abbiamo quasi tutti i libri realizzati con questo sistema – spiega la preside Nadia Cattaneo – italiano, matematica, storia, scienze, inglese, economia. Un sistema ormai avviato e garantito». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 agosto 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore