Imu, Tari e Tasi: ecco come funzionerà a Cardano

Il Consiglio comunale ha approvato le aliquote per il 2014 per le tasse e imposte che compongono la Iuc, imposta comunale unica. Tasi al 2,5 per mille solo per le prime case, scende la tassa rifiuti per i commercianti

Anche i cittadini di Cardano al Campo pagheranno nel 2014 la Tasi, la nuova tassa sui servizi indivisibili. La scelta è stata confermata dal Consiglio comunale di lunedì 8 settembre che ha approvato il regolamento per la Iuc (Imposta comunale unica) e le aliquote per le tre componenti: Imu (imposta municipale propria, la "ex Ici"), Tari (tassa rifiuti) e Tasi.
Nella seduta sono state confermate anche le aliquote già esistenti per l’addizionale comunale Irpef.

Chi e quando pagherà – L’Imu non si pagherà sulla prima casa, mentre sugli altri edifici ricalcherà lo schema del 2013. La novità principale riguarda l’esenzione per le case di proprietà (o usufrutto) di anziani o disabili che hanno la residenza in istituti di ricovero o sanitari a condizione che la stessa non risulti locata. Esentati anche i cittadini che risiedono all’estero purchè iscritti all’Aire e i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita e non locati. Il Comune ha inoltre deciso di applicare un’aliquota bassa, del 4 per mille, a chi mette a disposizione del Comune seconde (o terze, ecc) case vuote per far fronte al disagio abitativo («un atto di generosità» ha detto il sindaco, che però richiede un «seria valutazione sulle persone a cui andrà l’abitazione» ha fatto notare il consigliere di opposizione Giacomo Iametti).
La Tasi viene applicata solo alle prime case e l’aliquota per il 2014 è del 2,5 per mille.Verrà applicata una riduzione di 50 euro per gli immobili con rendita catastale fino a 400 euro. Il limite per il pagamento viene spostato al 16 novembre (anzichè il 16 ottobre) senza interessi. Nella casse comunale dovrebbero entrare così 880.000 euro che dovranno essere utilizzati per i cosiddetti servizi indivisivili (pubblica sicurezza, vigilanza, illuminazione stradale pubblica, servizi di manutenzione stradale e verde pubblico, protezione civile).
Vengono rimodellate e abbasate di circa il 30 per cento rispetto al 2013 le aliquote Tari per i commercianti. Sono cinque le categorie che avranno riduzioni, anche notevoli, per la tassa rifiuti. «Per fare due esempi – ha spiegato Bellora -: su superfici di 500 mq. i fioristi pagheranno oltre 2mila euro in meno, i ristoratori circa 1.500 euro in meno».
LEGGI ANCHE: COME CAMBIANO LE TARIFFE TARI FRA 2014 E 2013

I commenti politici – «Non è il tipo di impianto che avrei voluto presentare ai cittadini – ha ammesso dall’inizio il sindaco Angelo Bellora -, ma dobbiamo far fronte ai tagli dello Stato. È vero, alcuni comuni hanno messo la Tasi a zero, ma in compenso hanno dovuto aumentare l’Imu sugli edifici non abitativi. Anche quest’anno dobbiamo chiedere ai cardanesi sacrifici e solo nel 2015 sarà possibile ridurre il peso fiscale».
Decisioni quelle della giunta accolte dalle opposizioni (Giacomo Iametti e Valter Tomasini per Cardano Rinasce e Laura Clerici e Vincenzo Colucci di Cardanoincomune) con senso di responsabilità, ma con forti critiche (tradotta anche nei voti di astensione e contrari espressi sui vari punti). «Ancora una volta sono state disattese le speranze dei cittadini. Addirittura si va a colpire la prima casa e anche le seconde case a Cardano non sono certo di speculatori», ha detto Iametti. Per il collega di gruppo, Tomasini, «se i cittadini devono pagare per un servizio, quel servizio deve esserci» con riferimento alla Tasi che dovrebbe andare a coprire servizi come la manutenzione delle strade, del verde o la polizia locale. Sul tema dell’equità hanno insistito anche Clerici e Colucci invocando una «visione più globale». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore