La circolazione in via Mulini Grassi è sempre difficoltosa

L'associazione Verdi Ambiente e Società denuncia al Sindaco di Varese l’insicurezza della strada e propone suggerimenti perché la situazione migliori

È in una lettera indirizzata al Sindaco di Varese Attilio Fontana che l’associazione VAS, Verdi Ambienti e Società,  lamenta le condizioni insostenibili in cui si trova la Via Mulini Grassi che collega il quartiere Sant’Ambrogio a Varese con viale Valganna.

La strada, a seguito dei lavori di realizzazione della rotonda di viale Valganna con l’arrivo della tangenziale, ha assunto le forme di una via a traffico intenso incapace, tuttavia, di sostenerlo. 

Nonostante la circolazione abbia subìto modifiche, sostiene l’associazione, via Mulini Grassi non é cambiata nemmeno di una virgola: curve strettissime. assenza di segnaletica,  alternarsi di pendenze che sfociano in curve a gomito e tornanti ciechi, manto stradale  precario e addirittura rischioso.  Diversi infatti gli interventi, in molte occasioni, da parte dei vigili del fuoco che hanno dovuto procedere per liberare la strada da mezzi pesanti incastratisi sulla carreggiata.  Non é la prima volta che al Comune di Varese arrivano rimostranze da parte di cittadini ed automobilisti  traditi dalla tecnologia dei satellitari, eppure sembra che i provvedimenti presi non siano stati così efficaci.  Risale al 20 maggio 2013 l’istituzione del divieto di transito ai veicoli di massa a pieno carico superiore a 3,5t e l’istituzione del senso unico alternato regolato da segnaletica stradale indicante i diritti di precedenza. Ma sembrano non essere abbastanza le misure adottate.  Mancano tutti i presupposti perché la via possa sopportare un incremento intensivo del traffico ed una circolazione in sicurezza dei veicoli. Ad incalzare l’intervento da parte del Comune anche  i residenti di case attigue alla strada e i pedoni, verso i quali non è stata presa alcuna misura di protezione. 

Tra i possibili suggerimenti si fanno avanti le proposte di manutenzione e ripristino del fondo stradale, l’uso aggiuntivo di segnaletica per strettoie e curve pericolose, introduzione di dissuasori, limiti di velocità e dotazioni di sicurezza quali banchine e marciapiedi. 

Non é soltanto questione di traffico ma, in primis, di sicurezza. 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.