Ordinò l’incendio dell’auto della ex, ancora una condanna per Accarino

L'agricoltore fagnanese ha patteggiato ulteriori 12 mesi per aver ordinato a due suoi scagnozzi, anche loro condannati, di dare fuoco alla macchina del nuovo fidanzato della donna

Costerà ulteriori 12 mesi di reclusione la gelosia estrema di Gennaro Accarino, noto personaggio del sottobosco della malavita locale, già in carcere con una condanna a 3 anni e mezzo per il furto di un trattore e per l’omissione di soccorso nei confronti di Stefano Ferrario, investito mentre un suo scagnozzo guidava un trattore rubato con lui a Lonate Pozzolo nel 2012, una pena che ora si allunga a 4 e mezzo. L’agricoltore fagnanese di origini campane ha patteggiato la pena per aver fatto incendiare l’auto dell’amante della sua compagna. I fatti risalgono a gennaio 2013 quando, servendosi di due scagnozzi anche loro condannati ieri dal giudice Alessandro Chionna, fece bruciare l’auto dell’uomo che lo aveva sostituito nel cuore della sua amata. Prima di arrivare a quel punto Accarino aveva seguito tutti i gradi dello stalker perfetto con le lettere dal carcere piene di minacce nei confronti della sua compagna, poi gli sms e le telefonate dagli arresti domiciliari e, infine, l’incendio dell’auto. 

Anche Pierluigi Gebia, 22 anni, ha scelto il patteggiamento ottenendo una pena di 1 anno e 4 mesi mentre il 43enne Fabrizio De Giorgi ha ottenuto due anni con rito abbreviato. Il gruppo criminale, però, era più vasto e comprendeva anche Anton Radu che con De Giorgi era stato arrestato per la truffa del cash trapping ai bancomat. Per questo reato De Giorgi ha ottenuto 4 mesi di reclusione con il patteggiamento mentre Radu è stato condannato ad un anno. 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.