Gemonio, con Lucchini una scelta “under 40”

Dopo due mandati a Fabio Felli, il paese sceglie la lista più giovane e slegata dai partiti. Netta la sconfitta di Miglierina e Finali, a Felli non basta il carisma personale

impegno civico elezioni gemonio samuel lucchini

Gemonio sceglie la linea verde. Dopo due vittorie di Fabio Felli il paese all’imbocco della Valcuvia si affida con trasporto a Samuel Lucchini e alla sua lista “Impegno Civico”, una compagine che si è tenuta lontano dal supporto dei partiti e che è fatta quasi per intero da candidati under 40 a partire dal nuovo sindaco, che compirà 36 anni in autunno.

Una scelta decisa, con numeri superiori alle aspettative: Lucchini ha chiuso con un plebiscito, arrivando vicino alla maggioranza assoluta (46,39%), risultato difficile con ben quattro compagini in lizza, tutte con velleità di fare bene. Non è un caso se Alberto Mailli – al seggio c’era lui a rappresentare Noi per Gemonio (non si sono visti invece né Tiziano Miglierina, candidato sindaco, né Frattini e Piva, gli altri che si erano separati da Fabio Felli) – ha ammesso la delusione per una sconfitta netta (23,65%). Mailli ha avuto un grande risultato personale ma il record assoluto di preferenze – ben 89 – non serviranno per un seggio in consiglio a meno di una rinuncia da parte di Miglierina.

L’altra grande sconfitta è stata la sezione locale del Partito Democratico, che ha scelto la candidatura del segretario Rosario Finali a capo di una lista molto marcata. “Gemonio Democratico”, che i rumors davano in risalita negli ultimi giorni, si è invece schiantata e ha chiuso al quarto e ultimo posto la consultazione fermandosi al 13,57%. Pagando quindi a caro prezzo il tentativo di sottrarre voti a Lucchini nei propri “serbatoi”, a partire dalle realtà vicine all’oratorio e agli anziani, che invece si sono mostrati fedeli al gruppo di “Impegno Civico”.

Resta il dato relativo a Fabio Felli: il sindaco uscente è arrivato alla competizione elettorale facendo leva soprattutto sul proprio carisma e sull’operato amministrativo, ma con una squadra di candidati in parte poco conosciuti in paese. Da questo punto di vista il suo 16,37% non è risultato disprezzabile ma è chiaro che da un primo cittadino in carica da dieci anni ci si aspettava ugualmente qualcosa di più.

Ora quindi, e per cinque anni, toccherà a Samuel Lucchini e alla sua “Impegno Civico” guidare il paese. Il giovane sindaco, che ha costruito il proprio successo sull’impegno in paese (politica, teatro, volontariato) e sulla sua indole “ecumenica”, dovrà riuscire ad ascoltare e gestire tutte le richieste con cui verrà bombardato: il prezzo di essere stato un candidato molto popolare. Anche per questo sarà necessario il supporto dell’unico consigliere di grande esperienza, Francesco Riva, risultato il più votato a livello di preferenze personali all’interno di Impegno Civico: ben 82, quattro in più di un altro giovane, Luca Magnani, al primo mandato in consiglio.

Sindaco: Samuel Lucchini (Impegno Civico)
Maggioranza: Francesco Riva, Luca Magnani, Teodoro Mancini, Roberto Ronzani, Michele Rovera, Paola Lopez, Daniele Alberio (Impegno Civico)
Minoranza: Tiziano Miglierina (Noi per Gemonio), Fabio Felli (Continuare per Crescere), Rosario Finali (Gemonio Democratico).

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 01 giugno 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore