Assicurazioni lombarde per automobilisti campani, la frode per pagare meno

I carabinieri hanno scoperchiato il sistema di un pregiudicato che, attraverso falsi passaggi di proprietà, intestava polizze assicurative per automobilisti di Campania e Lazio ad ignari cittadini lombardi e piemontesi

Contrassegno assicurazione

Ai carabinieri della Stazione di Lonate Pozzolo è bastato un atteggiamento sospetto da parte di un uomo per scoprire un giro di polizze assicurative stipulate da un uomo originario della Campania intestate ad ignari cittadini lombardi e piemontesi e che, invece, finivano nelle mani di automobilisti suoi corregionali con il chiaro intento di pagare un premio decisamente più basso.

E’ noto, infatti, che i costi delle polizze assicurative per le auto variano di regione in regione e di provincia in provincia, principalmente in base al rischio di incidenti e di irregolarità che si verificano nei diversi territori. La Campania è da sempre una delle regioni in cui tali polizze hanno i costi maggiori.

Nel tardo pomeriggio di ieri, dunque, i militari di Lonate Pozzolo grazie ad un normale controllo di un soggetto hanno scoperchiato la frode assicurativa, denunciandolo. In particolare la pattuglia della stazione, impegnata nei consueti servizi antirapina in orario di chiusura degli esercizi commerciali, ha notato il soggetto che, alla vista della pattuglia, era rientrato precipitosamente all’interno degli uffici dell’assicurazione.

Insospettiti da tale anomalo comportamento gli uomini hanno deciso di approfondire, procedendo al controllo e alla verifica delle ragioni della sua presenza all’interno dell’agenzia assicurativa.

I carabinieri, grazie alla particolare professionalità ed attenzione di un maresciallo, hanno accertato che l’uomo era un pluripregiudicato di origini campane (residente nella provincia di Milano, disoccupato) che aveva appena ritirato documenti di polizze assicurative intestate ad ignari soggetti, tutti residenti tra Lombardia e Piemonte, mediante la falsificazione degli atti di trascrizione del pubblico registro automobilistico (p.r.a.). Attraverso i dati di trasferimenti di proprietà di autoveicoli e motocicli, nonché grazie alla falsificazione di patenti di guida ed attestati di rischio, venivano emesse polizze assicurative.

Tale operazione illecita consentiva la stipula di regolari contratti assicurativi con premio notevolmente inferiore rispetto a quanto i reali utilizzatori dei veicoli avrebbero dovuto corrispondere in ragione della loro reale residenza anagrafica, Campania e Lazio, con conseguente profitto da parte del malvivente che evidentemente “offriva” queste vantaggiose polizze a basso costo.

In buona sostanza il servizio offerto dal malvivente consisteva nell’intestare l’auto dell’automobilista napoletano ad un cittadino lombardo attraverso la falsificazione del passaggio di proprietà. A nome di quest’ultimo veniva stipulata la polizza, emessa ad un costo nettamente inferiore rispetto a quanto avrebbe dovuto pagare l’automobilista campano o laziale. Ora i militari della Compagnia di Busto Arsizio stanno effettuando approfondimenti per capire la ramificazione della frode.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Giugno 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.