Le dimissioni di Fabio Rizzi arrivano in Consiglio

La richiesta dell'esponente leghista, in carcere dal febbraio scorso, verranno trattate martedì 7 giugno. Al suo posto subentra in via definitiva Giampiero Reguzzoni

fabio rizzi 15 minuti contro le tasse

Le dimissioni di Fabio Rizzi arrivano in Consiglio regionale.
L’ex presidente della Commissione sanità lombarda, arrestato lo scorso 16 febbraio con le accuse di corruzione e turbativa d’asta, ha rassegnato le dimissioni.

Della sua decisione parlerà il Consiglio regionale nella prossima riunione, martedì 7 giugno. È il primo punto all’ordine del giorni: una volta approvata la richiesta, al suo posto subentrerà in via definitiva Giampiero Reguzzoni, primo dei non eletti nel Collegio elettorale di Varese per la Lega Nord.

La discussione procederà poi con la trattazione della legge di stabilità 2016 sul rispetto dei vincoli di finanza pubblica nel bilancio previsionale 2016-2018.

In conclusione di seduta prevista anche le nomine del Presidente e dei componenti del Consiglio dell’Agenzia Regionale Anticorruzione (ARAC) e di un componente nel collegio sindacale di Arexpo.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 05 Giugno 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.