Cna “padrona di casa” dell’accordo tra artigiani e sindacati

Sono stati firmati nell'auditorium della sede nazionale dell'associazione artigiana gli accordi tra associazioni artigiane di categoria e Cgil, Cisl e Uil. I commenti del presidente varesino Orsi

cna generiche

La storia della contrattazione artigiana “ripassa” dalla CNA: la Confederazione Nazionale dell’Artigianato, che era già protagonista nel lontano 1946 come la prima organizzazione italiana ad aver siglato un accordo con il sindacato, nei giorni scorsi è stata “padrona di casa” della firma del nuovo accordo, il 23 novembre scorso nell’auditorium della sede nazionale CNA, dopo nove mesi di serrate trattative.

A firmare i tre accordi interconfederalisul modello contrattuale, sulla rappresentanza e sulla detassazione – sono stati i vertici delle organizzazioni maggiormente rappresentative dell’artigianato, insieme a CGIL CISL e UIL.

Una piccola rivoluzione del mondo della rappresentanza: per la prima volta si varano una serie di testi finalizzati a definire nuove regole per i rapporti di lavoro all’interno delle imprese, a contrastare il fenomeno del dumping contrattuale, a riconoscere politicamente la rappresentanza oltre che dell’artigianato, delle piccole imprese.

«Il nuovo modello contrattuale tracciato nell’accordo sottoscritto è frutto di un intenso lavoro che CNA ha condotto con forza e determinazione, e che consentirà di rappresentare al meglio gli artigiani e le piccole imprese – commenta il presidente di CNA Varese Franco Orsi – Rappresenta un passo verso la modernizzazione del sistema produttivo italiano e uno strumento utile per agganciare la ripresa economica».

GLI ACCORDI TRA IMPRESE ARTIGIANE E SINDACATI, NEI PARTICOLARI

I contratti collettivi passeranno dai nove attuali a quattro riferiti alle macro aree manifatturiero, servizi, edilizia e autotrasporto. I livelli di contrattazione rimangono due, inscindibili tra loro: il nazionale che garantisce trattamenti economici e normativi comuni, il territoriale (che potrà essere anche aziendale), che può modificare parzialmente anche quanto previsto a livello nazionale, per rispondere in maniera più efficace alle esigenze di imprese e lavoratori.

Con l’accordo, si rafforza il sistema della bilateralità su materie come quelle degli ammortizzatori sociali, della formazione continua, del welfare e sanità integrativa, della salute e della sicurezza. Per quanto riguarda la rappresentanza, per la prima volta nel comparto sarà sottoscritta un’intesa per misurare la rappresentatività e confermare il peso della rappresentanza ai sindacati di settore. I firmatari si riconoscono reciprocamente, nell’ambito delle imprese del comparto e dei loro lavoratori, come soggetti maggiormente rappresentativi.

L’accordo sulla detassazione è finalizzato a potenziare gli elementi utili a incrementare la produttività, riconoscendo una minore incidenza della tassazione a carico dei lavoratori sulle somme percepite a titolo di premio. Avviata in modo strutturale e con logica innovativa a partire dal 2016, rafforzata dalla Legge di Bilancio 2017, la detassazione si inserisce nella strategia complessiva del Jobs Act.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Novembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.