Semaforo abbattuto: individuato il responsabile

Grazie ad alcuni particolari emersi durante le indagini, si è riusciti a risalire al proprietario dell'auto che lo scorso 18 novembre abbattè il palo semaforico di Cajello

polizia locale gallarate apertura

Sarà l’assicurazione e non l’amministrazione comunale di Gallarate a pagare i danni del semaforo divelto giorni fa a Cajello. Si parla di alcune migliaia di euro, “risparmiate” grazie all’intervento della polizia locale, che è riuscita a risalire al responsabile del danno provocato lo scorso 18 novembre.

Quella sera un “anonimo” automobilista aveva abbattuto uno degli impianti all’incrocio tra via del Lavoro e via Varese. Il guidatore, dopo essersi accertato che non vi fossero testimoni, aveva anche ripulito ogni traccia, convinto che fosse impossibile risalire a lui.

Non si era però accorto che parte della targa della sua auto (tre numeri e una lettera) era rimasta stampata sull’elemento di arredo giallo posto alla base del palo della segnaletica e nemmeno si era accorto di alcuni frammenti della carrozzeria rimasti sul posto. Da questi frammenti gli agenti solo riusciti a stabilire il modello e il colore veicolo: una vecchia Renault bourdeaux. Indizio importante ma non ancora sufficiente a risolvere il caso.

Giovedì sera, 1 dicembre, la svolta: la pattuglia del presidio fisso davanti alla stazione ferroviaria sì è vista passare davanti una Renault bordeaux e i quattro numeri di targa in possesso dei vigili combaciavano con quelli del veicolo. Il proprietario, un nordafricano residente da anni in città a Cajello con regolare permesso di soggiorno, ha solo potuto ammettere le sue responsabilità. L’uomo è stato multato di 150 euro, ma soprattutto sarà la sua assicurazione a pagare i danni da lui causati. Un conto di alcune migliaia di euro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore