Calcolo della Tari, anche a Busto applicato in maniera conforme

L'amministrazione ha diramato una nota in cui specifica che non ci dovrebbero essere errori nelle modalità di applicazione ma attende chiarimenti dal ministero

palazzo gilardoni comune busto

Anche il Comune di Busto Arsizio ha diramato alcune precisazioni sulle modalità di calcolo della TARI, in seguito agli articoli di questi giorni pubblicati da numerosi quotidiani nei quali si ipotizzava l’errore nel calcolo della tassa sui rifiuti in molti comuni.

In merito alle modalità di calcolo della Tassa Rifiuti –TARI -, si informa che il comune di Busto Arsizio ha applicato la parte variabile della tariffa UNA SOLA volta su tutte le abitazioni con un box e/o una cantina e/o una soffitta pertinenziali, conformemente alle recenti indicazioni Ministeriali. La parte variabile della tariffa Tari è stata applicata una seconda volta solo sui secondi box e/o seconde cantine/soffitte.

Al riguardo l’Amministrazione è in attesa di ricevere chiarimenti ufficiali da parte del Ministero dell’Economia sulle modalità operative da seguire. Appena verranno diramate le istruzioni ministeriali si provvederà ad informare la cittadinanza tramite il sito internet dell’ente.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore