Busto ricorda don Isidoro, martire della città

In San Giovanni la memoria del sacerdote ucciso 27 anni fa

don isidoro meschi

Busto Arsizio ricorda don Isidoro Meschi, «martire della città».

La commemorazione si terrà mercoledì 14 febbraio, nell’anniversario della morte: la celebrazione sarà presieduta dal vescovo mons. Marco Ferrari e si terrà nella basilica di san Giovanni alle ore 21.

«Fare memoria di don Lolo, della sua preziosa testimonianza di vita, della sua morte per amore, ci richiama costantemente all’importanza di un amore non fatto di sole parole ma capace di donarsi totalmente, sull’esempio di Gesù stesso».

In occasione della celebrazione, verrà anche messo a disposizione gratuitamente un libretto pubblicato a cura della Famiglia Bustocca, con testi relativi a don Isidoro.

Don Isidoro Meschi è considerato un martire in città: arrivato nel 1972 all’età di 27 anni, a Busto fu anche docente nelle scuole, giornalista del settimanale Luce, fondatore di una associazione che assisteva tossicodipendenti, negli anni del dramma dell’eroina. Fu ucciso all’età di 45 anni da un giovane disagiato che aiutava. Alla figura di don Isidoro è dedicato anche il volume “Un prete felice”, di Cristina Tessaro.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 13 Febbraio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.