Conte rinuncia. Il Quirinale convoca Cottarelli. Di Maio chiede l’impeachment

La situazione politica è precipitata in una crisi senza precedenti.Il premier incaricato Giuseppe Conte nel pomeriggio è salito al Colle e ha rimesso il suo incarico.

La situazione politica è precipitata in una crisi senza precedenti. Il premier incaricato Giuseppe Conte nel pomeriggio è salito al Colle e ha rimesso il suo incarico.

Subito dopo è intervenuto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha spiegato le ragioni della crisi. “Non ho ostacolato la formazione del governo”. E dopo meno di un’ora ha convocato per lunedì mattina al Quirinale Carlo Cottarelli a cui probabilmente verrà affidato l’incarico per formare un governo.

Le reazioni del M5S e della Lega sono state durissime.

Luigi Di Maio ha subito pubblicato un video su Facebook e prima di andare in piazza a Fiumicino, è intervenuto telefonicamente in diretta a Che tempo che fa. Il leader del M5S, e con lui anche Giorgia Meloni, ha chiesto l’impeachment del Presidente Mattarella.

Matteo Salvini ha chiesto subito le elezioni.

“Abbiamo lavorato per settimane, giorno e notte per far nascere un governo che difendesse gli interessi dei cittadini italiani. Ma qualcuno (su pressione di chi?) ci ha detto No. Mai più servi di nessuno, l’Italia non è una colonia. A questo punto, con l’onestà, la coerenza e il coraggio di sempre, la parola deve tornare a voi”.

Di tutt’altro tenore le parole di Maurizio Martina, segretario del Pd. “Sono sconcertato dalla faciloneria. Ragionino su quello che stanno facendo senza inquinare il dibattito democratico”.

In difesa del Colle Silvio Berlusconi. “Il M5s che parla di impeachment è come sempre irresponsabile” e Matteo Renzi: “Minacciare Mattarella è indegno”. Anche Paolo Gentiloni chiede di pensare al Paese.

In serata c’è stato l’intervento anche del Presidente del Senato Casellati che era ospite della trasmissione Che tempo che fa. “Non penso si possa andare subito al voto. Prima di ottobre, dicembre le Camere non possono essere sciolte anche per consentire di rivedere la legge elettorale”.

Reazioni anche dalla provincia di Varese.

Militanti del M5S in piazza a Busto Arsizio e a Varese. Paroli gravi e pesanti che gridavano al colpo di Stato.

Maria Chiara Gadda, parlamentare del Pd parla invece di “truffa gialloverde svelata”.

I retroscena della crisi

Dopo giorni di tensione sul nome di Paolo Savona indicato come ministro dell’Economia, il presidente della Repubblica non ha ceduto all’imposizione chiedendo altri nomi. Per cercare un’ultima mediazione, prima di Conte, nel pomeriggio erano saliti al Colle Matteo Salvini e subito dopo Luigi Di Maio. Non si è trovata una soluzione e così Conte ha rimesso il mandato.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 maggio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da GMT

    Con tutto il rispetto, ma possibile che fra tutti gli aderenti, simpatizzanti e votanti di M5S e Lega non esista un possibile Ministro dell’Economia che non sia Savona?
    sono messi male se non hanno un secondo, terzo, quarto, …. backup!

    1. Scritto da Felice

      Esiste eccome caro GMT. Si chiama Giancarlo Giorgetti, leghista e proposto da Matterella stesso come alternativa. Entrambi l’hanno bocciato.
      Quindi questa ostinazione su Savona non solo è stata cercata ma voluta, allo scopo di far saltare tutto.

Segnala Errore