Il Comitato Noi per l’Ospedale esulta: “Chiuso il PS2”

La direzione dell'Asst Sette Laghi ha deciso di cambiare la registrazione dei pazienti del pronto soccorso in attesa di un letto in reparto. Un sistema che penalizzava gli operatori

Emergenza pronto soccorso gennaio 2015

Primo successo ottenuto per il Comitato Noi per l’Ospedale che saluta con soddisfazione la decisione dell’Asst Sette Laghi di smantellare il “Pronto soccorso 2”.

In una nota che porta la firma del direttore di presidio, l’azienda comunica che dal 29 maggio non si aprirà più la pratica in “PS2” per i pazienti il cui iter diagnostico terapeutico sia concluso con la richiesta di ricovero in reparto. Al posto della pratica, il paziente rimarrà ancora in carico al pronto soccorso  e continuerà a essere seguito e a risultare “dimissibile”, finche non verrà preso in carico dal reparto a cui è destinato.

Soddisfatto Giorgio Arca, presidente del Comitato : « Oggi possiamo dire Finalmente!!! Diciamo bravi alla direzione Generale dell’ASST Settelaghi per aver definitivamente cancellato il famigerato pronto soccorso 2, fantomatico reparto che per anni ha messo in crisi tutto il personale medico infermieristico, con turni stressanti e una miriade di pazienti da curare per ogni infermiere. Dopo tante denunce del personale che il comitato Noi Per L’Ospedale ha fatto proprie».

Arca ringrazio il direttore Callisto Bravi: « Vede che con un po’ di buon senso e buona volontà si superano le criticità. Speriamo che sia l’inizio per superare altre criticità come la diabetologia per la quale, da tempo, chiediamo di costituire una struttura semplice dipartimentale, i dializzati che ancora siedono in poltrone obsolete dove trascorrono per tre volte la settimana dalle 3 alle 5 ore, cambiamo almeno le poltrone che rimarranno per la nuova sede. E dato che ci sono pochi soldi, quei pochi non buttarli via investendo in una SSD oncoematologica che visti i pochi pazienti può benissimo stare sotto la pediatria con il DH che ha sempre curato ottimamente tutti i pazienti.  Ringraziamo il direttore anche per l’assunzione di due persone, la dottoressa Plebani  direttrice del pronto soccorso pediatrico e Rita Patrizia Tomasi, direttore del Dapps comparto infermieristico,  che hanno riportato la voglia di fare e di venire al lavoro a tutto il personale. Da oggi, quindi, finalmente rivediamo il sorriso sugli infermieri/e e un altro modo di assistenza in pronto soccorso».

Tutti gli articoli sul pronto soccorso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 giugno 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore