Polmoniti e scompensi: lunedì di passione in pronto soccorso

Situazione di emergenza al Circolo di Varese dove da domenica non si arresta l'afflusso di gente. Critiche le condizioni di tutti i PS

pronto soccorso

Non è ancora influenza ma siamo già in emergenza.
Un po’ in tutti gli ospedali della provincia, sono ore di iperafflusso nei pronto soccorso. Da ieri, domenica 13 gennaio, le richieste di assistenza sono in costante aumento.

Questa mattina, il PS di Varese contava una cinquantina di persone in attesa di posto letto. Soprattutto a causa di scompensi e polmoniti in pazienti anziani o fragili. Condizioni che richiedono il ricovero: « A fine mattinata – commenta il primario del Saverio Chiaravalle – avevamo trovato un posto in reparto per 35 ammalati. A metà pomeriggio, però, avevamo ancora 65 persone in trattamento e 43 in attesa di visita. Credo che sia la giornata peggiore degli ultimi mesi».

Le condizioni di lavoro del PS di Varese non sono eccezionali: intasati risultano un po’ tutti i pronto soccorso. In grave sofferenza Tradate, ma anche Cittiglio e Luino, che sono di solito meno affollati. Grande afflusso anche al PS di Angera : « In reparto stanno lavorando 5 medici – chiarisce Chiaravalle – tutti danno il massimo. La causa è da ricercare in questo clima. Non è certamente l’influenza: sono sindromi parainfluenzali che dalla giornata di ieri stanno causando la grande richiesta di assistenza. La media degli accessi non è da record: i numeri sono più o meno quelli di sempre. È la tipologia di paziente che è delicata».

Per far fronte all’emergenza, l’Asst Sette Laghi ha attivato il terzo livello del piano di sovraffollamento, sospendendo tutti i ricoveri programmati e allertano le ambulanze del 118 perché selezioni i casi da portare al PS varesino in base alla gravità.

L’azienda, inoltre, il primo gennaio scorso ha aperto 10 letti in più nel reparto di subacuti, come previsto dall’azione di potenziamento in vista dell’influenza voluta dall’assessore regionale Gallera. In questo momento i letti aperti in reparto sono 40.

di
Pubblicato il 14 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore