Il Rotary Varese festeggia i 90 anni con la presidente del Senato

Novant'anni di servizio alla città e al suo territorio: il Rotary Varese celebra il prestigioso anniversario ospitando giovedì 23 maggio alle 20 all'hotel Palace di Varese Maria Elisabetta Casellati

Casellati

Novanta anni di servizio alla città e al suo territorio: il Rotary Varese celebra il prestigioso anniversario ospitando giovedì 23 maggio alle 20 all’Hotel Palace il presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati.

«Se c’è una linea guida che caratterizza la vita nel club nell’arco di ben 90 anni, questa indubbiamente percorre lo sforzo con cui abbiamo perseguito l’obiettivo di dare un contributo concreto alla crescita industriale, economica, scientifica e culturale della città» sottolinea Giuliano Modesti, presidente per l’anno rotariano 2018- 2019.

Una presidenza che va in scia a quella di personaggi che hanno segnato, con il loro impegno e le loro capacità, la vita varesina per un arco temporale che, partendo dal 1928/29, giunge ai giorni nostri. «A soli cinque anni dalla fondazione del primo Rotary italiano, nel 1923 a Milano – continua Modesti –, il 30 aprile 1928 si tenne la seduta costitutiva di quello di Varese. Primo presidente fu Ermenegildo Trolli, prestigioso industriale calzaturiero col marchio Calzaturificio di Varese. Trolli avrebbe presieduto il club ancora nell’immediato secondo Dopoguerra, alla ripresa dell’attività interrotta per ordine del regime fascista nel 1938».

In novant’anni di vita, il Rotary Varese ha avuto e ha tuttora tanti soci di rilievo. Solo per risalire nel tempo, possiamo citare Giulio Macchi, fondatore dell’Aeronautica Macchi, l’imprenditore del “bianco” con la sua Ignis e grande patron sportivo Giovanni Borghi, l’italianista Dante Isella e lo scrittore Piero Chiara. E ancora, Scipione Riva Rocci, medico e scienziato di fama mondiale, inventore dell’apparecchio per la misurazione della pressione, ed Ermanno Bazzocchi, che in campo aeronautico è stato uno dei maggiori progettisti: suoi sono stati i primi addestratori a getto delle nostre forze aeree, tra cui il velivolo delle Frecce Tricolori. «È impossibile però – sono sempre parole di Modesti – ricordare tutti i rotariani che hanno dato, e stanno tutt’ora dando, un apporto decisivo allo sviluppo della città e del territorio, onorando l’ideale del servizio rotariano».

Nel corso degli anni, sono molte e qualificate le iniziative che hanno avuto origine in ambito rotariano. Dai servizi a favore delle persone in difficoltà al contributo per l’avvio del restauro delle cappelle del Sacro Monte, ma anche dei corsi universitari a Varese. Sempre dal Rotary Varese è venuto il supporto per un grande progetto come quello del professor Salvatore Furia, anche lui socio del club, di realizzare la Cittadella delle Scienze al Campo dei Fiori.

Tra le iniziative in anni più recenti, sono rotariani i varesini che hanno dato vita alla fondazione del Circolo della Bontà, a supporto dei nostri ospedali, e che sostengono col loro impegno quotidiano sia “Varese con te”, che assiste a domicilio e gratuitamente gli ammalati terminali, sia “Varese per l’Oncologia”. Non manca, poi, l’attività di puro volontariato a favore della Casa della Carità con il Decanato e della Caritas varesina.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore