Gli alunni di Castano in gita didattica per scoprire il riciclo dei rifiuti

Quarantotto bambini delle terze classi della primaria di via Cerri si sono recati in gita didattica presso l’impianto di recupero della plastica della Montello Spa in provincia di Bergamo

Castano Primo Turbigo Castanese

Continuano le iniziative di educazione ambientale promosse dal Consorzio dei Comuni dei Navigli per gli alunni delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado dei venti Comuni in cui si occupa della gestione integrata dei rifiuti urbani.

Lo scorso 31 maggio quarantotto bambini delle terze classi della primaria di via Cerri dell’ICS “Giovanni Falcone e Paolo Borsellino” di Castano Primo si sono recati in gita didattica presso l’impianto di recupero della plastica della Montello Spa in provincia di Bergamo. L’iniziativa è stata organizzata in stretta sinergia con la comandante della Polizia locale di Castano Primo Patrizia Boioli e le maestre.
Montello Spa è una eccellenza industriale di livello nazionale ed internazionale che si occupa del riciclo di rifiuti plastici trattandone 200.000 tonnellate all’anno, equivalenti alla produzione annua di rifiuti plastici di 8 milioni di abitanti.

Gli alunni di Castano Primo sono stati accolti da Maurizio Foresti, membro del consiglio direttivo di AssoRimap (Associazione nazionale riciclatori e rigeneratori di materie plastiche), il quale ha prima tenuto una lezione teorica per spiegare le varie fasi industriali del trattamento dei rifiuti plastici: dall’arrivo alla separazione e sistemazione per tipologia, dal trattamento attraverso processi ad alta tecnologia, fino alla produzione di materie prime seconde (come diverse tipologie di granuli) e manufatti che vengono immessi di nuovo nel mercato, trovando impiego in molti settori (per esempio, edilizia, alimentare abbigliamento). Alla lezione teorica è poi seguita una visita guidata nell’impianto per seguire dal vivo le varie fasi di lavorazione. La Montello S.p.A. sorge su un’area industriale di circa 450.000 mq, di cui 120.000 coperti, occupa 650 addetti e si occupa anche del riciclo di rifiuti organici.

Castano Primo Turbigo Castanese

All’evento di formazione ambientale erano presenti anche Carlo Ferrè e Christian Migliorati (rispettivamente presidente e direttore del Consorzio dei Comuni dei Navigli), l’amministratore comunale Luca Fusetti, personale della Società Cooperativa Sociale “La Solidarietà” di Albairate che fornisce il supporto operativo nelle scuole dove si svolgono i progetti di educazione ambientale.

La scolaresca del Castanese è stata accolta anche dal presidente di Montello S.p.A., Roberto Sancinelli, il quale ha prima detto che l’impianto riesce a recuperare l’80% del materiale che riceve ed ha poi posto l’attenzione su quanto sia importante promuovere il concetto di riciclo per completare il passaggio dalla vecchia economia essenzialmente basata sui combustibili fossili (Brown Economy) a quella nuova, sostenibile per l’uomo e il pianeta che crea posti di lavoro e promuove l’innovazione (Green Economy).

Nel corso dell’anno scolastico 2018 – 2019 il Consorzio dei Comuni dei Navigli ha realizzato il progetto “PlasticaMente” coinvolgendo migliaia di studenti delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado delle tre grandi aree territoriali in cui opera: Abbiatense, Castanese e Magentino.
Questa iniziativa di formazione ambientale si è articolata in circa 650 ore di lezioni teoriche e pratiche sul ciclo della plastica, con il supporto di personale appositamente formato, preparato e con esperienza nell’ambito della didattica, oltre alle periodiche visite allo stabilimento di Montello S.p.A.
Il progetto ha permesso di sensibilizzare gli studenti e indirettamente le famiglie sulle tematiche della riduzione della produzione complessiva dei rifiuti (di cui la plastica è indiscussa “regina”, almeno in termini volumetrici) e della raccolta differenziata della plastica stessa fornendo, attraverso il confronto, la discussione critica guidata dagli operatori e l’attività pratica, gli strumenti per comprenderne il funzionamento e i benefici.
Del Consorzio fanno parte Albairate, Arluno, Bernate Ticino, Besate, Bubbiano, Busto Garolfo, Calvignasco, Casorate Primo, Cassinetta di Lugagnano, Castano Primo, Cisliano, Corbetta, Cusago, Inveruno, Mesero, Morimondo, Nosate, Ozzero, Vanzaghello e Vittuone.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore