A quattordici anni nel “bosco dello spaccio”

Uno dei casi venuti fuori dall'ultimo maxicontrollo organizzato dalla Questura, con coinvolgimento di diverse unità

Questura

Nella giornata di martedì 11 giugno 2019 gli agenti Sezione Antidroga della Squadra Mobile della Questura di Varese, insieme ad agenti del Commissariato Pubblica Sicurezza di Busto Arsizio e a cinque pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Milano, ha effettuato un controllo nelle aree boschive del “Parco Rugareto”, attorno ai Comuni di Cislago, Gerenzano, Gorla Maggiore e Minore, Marnate, Castellanza e Rescaldina.

Com’è prassi, il personale in abiti civili, effettuava una serie di monitoraggi dei diversi ingressi del citato parco, per indicare quale “porta”, in quel momento, venisse utilizzata dai clienti per raggiungere i presunti spacciatori attestati all’interno della boscaglia. Alla fine si sono concentrati sulla porzione boschiva adiacente la zona industriale di Castellanza, in quanto in quel punto venivano notati alcuni tossicodipendenti, in parte appiedati ed in parte in bicicletta, addentrarsi nel parco. In quel momento giungeva sul posto un gruppo di cinque ragazzi, che si addentravano nel parco.

Dopo diversi minuti, due di questi sono usciti sulla strada principale: fermati e sottoposti a controllo di Polizia, due di essi risultavano in possesso di alcuni grammi di hashish, per uso personale, ma, purtroppo risultavano anche avere una giovanissima età di appena 14 anni. Gli altri tre soggetti, poi identificati per due maggiorenni e un sedicenne, sono stati beccati intenti a prepararsi una dose di cocaina da fumare insieme. Uno dei due maggiorenni era in possesso di una ventina circa di grammi di hashish, mentre il sedicenne aveva dieci grammi di hashish e una dose di cocaina. Per quanto sopra gli Agenti di Polizia hanno denunciato a piede libero il maggiorenne per il reato di spaccio di hashish, con l’aggravante di averlo ceduto a minori, mentre, per i due quattordicenni e il sedicenne è scattata la segnalazione alla locale Prefettura.  Lo stesso provvedimento è stato adottato anche nei confronti di un quarto soggetto, maggiorenne, fermato all’uscita del medesimo bosco e trovato in possesso di stupefacente per uso personale.

L’operazione di Polizia, nel suo intero, ha portato anche al controllo di 40 soggetti e 30 autoveicoli. Nelle ultime settimane è stato anche arrestato in flagranza  un cittadino Tunisino, L.M., di anni 27, risultato, poi, destinatario di due Ordinanze di custodia Cautelare in carcere, sempre per reati inerenti gli stupefacenti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore