“Vurett ben”, il poeta bosino resiste alla globalizzazione

Di Pier Fausto Vedani

famiglia bosina agrivarese 2011

Ho letto sul Calandari  2018 della Famiglia Bosina la storia del “Poeta Bosino”, il premio annuale riservato ai simpatici e bravissimi cultori  dei racconti in rima, allegri o  malinconici, di finissimi sentimenti o di situazioni personali   della gente che ha profonde radici nella nostra comunità.

Questa  inedita preziosa storia del premio, cominciata nel 1956, la dobbiamo a Carlo Zanzi, scrittore  e poeta che da tempo onora Varese  con il suo impegno letterario, dedicato anche alla cultura locale e che gli è valso in passato anche il riconoscimento, ambitissimo, di Poeta Bosino .

Zanzi nel suo  racconto accenna  alla imminente fine, alla “morte” del dialetto. Non sono in grado di dire quanto si sia detto o scritto ai nostri giorni su questo argomento e nemmeno quanto  si sia  lavorato in questa direzione  nelle scuole  pubbliche, si sa da tempo che  la storia del linguaggio e del disegno come primitive forme di comunicazione  ha anche indicato chiaramente destino e differenze di espressione nel mondo degli esseri viventi. E infatti non ha avuto limiti la progressione del potenziale dell’intelletto umano a  fronte di quello animale.

Le diversità di espressione all’interno di diverse culture e la iniziale lenta progressione culturale dovute a fattori ambientali e a distanze tra gli insediamenti, hanno invece favorito lo sviluppo  di linguaggi   autonomi in ambiti ristretti, cioè i dialetti.

Nell’era moderna tutto si è fatto più vicino a tutti, oggi  la globalizzazione con il mostruoso sviluppo tecnologico ha ribaltato la vita di miliardi di persone, inevitabile il declino dei dialetti, ma non è ancora il tempo di decretarne la fine se oggi i varesini  ricordano e leggono Speri Della Chiesa, vera star del dialetto bosino, scomparso  alla fine degli anni 40 del secolo scorso. E  inoltre la Famiglia Bosina  è una vitalissima espressione  culturale e il recupero della storia del premio al miglior poeta bosino  dell’anno  da parte di Carlo Zanzi  è un eccellente contributo alla vitalità del nostro dialetto.

A me il “Poeta Bosino” ha fatto ricordare in particolare Natale Gorini, indimenticabile re bosino padrone della città per i giorni del Carnevale e da sempre  poeta non poco baloss in più occasioni, ma stupendo cantore  di rara tenerezza dell’amore, con attenzione a quello speciale tra coniugi, che dura una vita. Egli lo regalò ai varesini con i pochi premiatissimi versi  di  “Vurett ben”, volerti bene.

VURETT BEN

Andà fö a guardà bass dul pugiö

par vidé quand te vett

Tirà indré ul cantun di tendinn

par vidé sa te rìvat

Scultà i pass in sü i scaar

par sentì s’hinn i tò

Scultà, da nott, ul respiir

par sentì sa te dörmat.

Da sempre in tutte le comunità  ci sono persone, quasi sempre uomini, del buon consiglio ai quali in virtù del loro buon senso e di una nota e bella esperienza ci si può rivolgere. Natale Gorini a un gala rotariano al Golf Club di Luvinate  presentò, da fine dicitore come era, un caso curioso che scatenò grande ilarità. Tale Bernasconi era un “consigliere” ricercatissimo: viveva solo, sereno e tranquillo in una villetta dove gli faceva compagnia un pappagallo che assisteva alle udienze riservate a chi voleva il parere del padrone  di casa. Che era molto legato al suo Loreto al punto che dovendo allontanarsi per alcuni giorni ebbe serie difficoltà per far ospitare da estranei il suo fedele amico a due zampe, abituato a vivere trattato come un  lord. Essendosi prestato all’ospitalità  del pappagallo un contadino, il Bernasconi glielo affidò con un elenco di raccomandazioni  per accoglienza e dieta. Ritornato a Varese dopo una settimana, Bernasconi si precipitò subito dal suo Loreto e gli prese un accidente quando il contadino  gli confessò che Loreto non si era adattato, non rincasava, girava per l’aia e nel giardino, faceva puntate addirittura nel pollaio. Angosciato, il padrone cominciò la ricerca del suo pappagallo e lo trovò nel pollaio mentre “schiacciava” una giovane ed estasiata gallina. Fatto esperto per le molte “consulenze” ascoltate, il pappagallo quando il padrone fu a tiro esclamò: «Se te ne diset Bernascun?»

di
Pubblicato il 20 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore