I Grateful Dead chiudono un’epoca

Il primo doppio live del rock celebra una grande fase della musica e della controcultura

50 anni fa la musica

Gli anni sessanta si stavano concludendo, e con essi quella parte della psichedelia californiana più estrema che ebbe inizio dagli acid test di Ken Kesey.

Sebbene qualche testimonianza live ci fosse stata, a tramandare su disco quelle esperienze non potevano che essere i Grateful Dead con uno dei primi (direi il primo in assoluto) doppi live: formato che poi sarebbe diventato quasi uno standard negli anni ’70. I Dead erano alla vigilia di una profonda rivisitazione della loro musica in studio, anche perché Aoxomoxoa non era stato un grande successo e la Warner ci aveva perso molti soldi, ma certamente i loro concerti del 1969 seguivano ancora quella grande tendenza all’improvvisazione ed alla musica abbastanza destrutturata e dilatabile a piacimento. Non è un caso che Live Dead inizi con Dark Star, precedentemente edita solo su 45 giri (!), che diventerà comunque il loro brano simbolo: un’intera facciata, oltre 23 minuti, di cavalcata cosmica che finì anche (ovviamente solo in parte) nella colonna sonora di Zabriskie Point. Proprio in relazione a quest’ultima, che li comprendeva entrambi, è interessante fare un raffronto fra i Dead di Dark Star e i primi Floyd di pezzi come Astronomy Domine o Interstellar Overdrive: le radici sono diverse ma…
Il documento definitivo di una grande fase della musica.

Curiosità: cercare cose strane nelle copertine rock è sempre stato uno sport molto praticato. In questo disco, nella copertina posteriore, vi è la scritta Dead sullo sfondo di una bandiera americana che la divide in orizzontale: guardando solo la parte superiore si legge ACID. Non proprio chiarissimo, ma diciamo che ci sta…

TUTTE LE PUNTATE DI 50 ANNI FA LA MUSICA

di
Pubblicato il 07 novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore