«Fuori i soldi», ma lei chiude la cassa e li fa arrestare

L’accusa è di tentata rapina. In azione i carabinieri della compagnia di Busto Arsizio che bloccano i malviventi non appena usciti dal supermercato

Avarie

Hanno tentato il colpo al supermercato di Cairate, uno col coltello alle casse e l’altro che faceva il palo fuori, ma non hanno fatto i conti con la prontezza della risposta della commessa che ha sigillato la cassa.

Cairate, ore 17.45 di ieri, mercoledì: due giovani di Cassano Magnago, disoccupati e noti alle forze dell’ordine entrano in azione con l’idea di rapinare un supermercato.

Uno, di soli 19 anni con qualche espediente al volto per non farsi riconoscere fa irruzione nel negozio intimando alla cassiera di consegnare i soldi.

Ma la donna si allontana subito dalla cassa, lasciandola chiusa e protetta dalle mani del rapinatore che spiazzato è costretto a tentare di raggiungere la Punto col motore acceso con al volante il complice di 24 anni.

Ma mentre i due stavano per allontanarsi, ecco i carabinieri che li bloccano e fanno scattare le manette.

I militari erano sulle tracce dell’auto da qualche giorno dopo che l’utilitaria era stata notata in precedenza e nelle vicinanze di altri colpi.

L’accusa è di tentata rapina per il diciannovenne e per lo stesso reato in concorso per il “collega“ di cinque anni più vecchio.

I carabinieri hanno, durante le perquisizioni, trovato un passamontagna e il coltello utilizzato per la rapina.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore