Da oggi il divieto per le persone fisiche di spostamenti tra comuni

L'ordinanza congiunta emanata da ministero dell'Interno e della Salute è già operativa

carabinieri controllo coronavirus

I ministeri dell’Interno e quello della Salute hanno predisposto un’ordinanza che «Da oggi (22 marzo, ndr), su tutto il territorio nazionale, è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in comune diverso da quello in cui si trovano. Uniche eccezioni: comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute».

La misura serve ad evitare ciò che è successo nelle scorse settimane, ovvero l’esodo da nord verso sud aumentando così le probabilità di contagio. Questa disposizione rimarrà in vigore fino al prossimo decreto del Presidente del consiglio dei ministri. (Fonte ministero dell’Interno)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da seve58

    Dalla finestra di casa mia,vedo ancora parecchie autovetture che viaggiano,ma da oggi non c’è il divieto per le persone fisiche di spostarsi da un comune all’altro? non sono tutte del paese.

  2. Scritto da Fabrizio Tamborini

    Ciao, io vivo a Morazzone e qui, ta tempo non c’è più neanche una edicola, la più vicina è a Caronno Varesino o a Gazzada. Posso andare in quei paesi a comprare i giornali?

  3. Scritto da Viacolvento

    “con mezzi di trasporto pubblici o privati”: allora si dovrebbe poter andare a piedi in un altro comune.

  4. Scritto da Alberto Gelosia

    Certo, sig.Seve58,
    le regole vanno rispettate, ma c’è ancora chi deve andare a lavorare o chi deve uscire dal comune perchè lì non dispone di supermercati, tabaccai, benzinai ecc. trovandosi così esposto al rischio che il pacchetto di sigarette (bene che è lecito comprare) non sia considerato un bene di prima necessità da un controllore non fumatore.

Segnala Errore