Rally di Monte Carlo, quattro punti iridati per Giacomo Ogliari

L'esperto pilota varesino ha chiuso la gara monegasca al 28° posto assoluto, primo degli italiani e soprattutto 8° di WRC3, la classifica iridata alla quale è iscritto. Ritirato invece Mauro Miele

giacomo ogliari rally monte carlo 2021 foto bettiol

Si chiude con il sorriso il Rallye Monte Carlo di Giacomo Ogliari, tornato a gareggiare nella leggendaria gara monegasca a dieci anni dall’ultima presenza, a bordo di una Citroen C3 di classe Rally2: il pilota varesino si è infatti messo in tasca quattro punti per la classifica del Campionato del Mondo di categoria WRC3, grazie all’ottava posizione guadagnata in questa speciale graduatoria.

Ogliari, navigato dal toscano Lorenzo Granai, ha portato a termine il “Monte” in 28a posizione assoluta, risultando il primo degli italiani (questo non conforta il movimento tricolore, considerando che Jack va per i 57 anni…). Decisiva la grande regolarità dell’alfiere Citroen/GCar, che è sempre rimasto intorno alla trentesima posizione evitando errori – all’ordine del giorno in una prova complicata come quella monegasca – e “curando” la classifica del WRC3 che, lo ricordiamo, è la terza serie iridata per importanza, quella dedicata alle vetture R5 private. Foto Bettiol

Per un veterano che ha portato a termine la propria fatica (tra l’altro, entrando nei primi 50, Ogliari ha avuto l’occasione di percorrere anche le ultime quattro prove sino all’arrivo nel Principato), un altro si è invece dovuto arrendere. Mauro Miele, che di anni ne ha appena compiuti 65 (auguri!), era rientrato in gara sabato sfruttando la formula del “Super Rally” dopo l’uscita di strada di venerdì, ma ha poi deciso di ritirarsi quando l’obiettivo della Top50 è definitivamente sfumato. Inutile prendersi ulteriori rischi su strade, come detto, molto insidiose.

«Il Monte Carlo è stato come sempre una gara difficilissima per meteo, scelta gomme e condizioni delle strade – ha detto Ogliari ai microfoni di Rallylink al termine della prova – Sono felicissimo del feeling con Lorenzo Granai che è stato fantastico e ringrazio il team G-car che ci ha messo a disposizione una C3 impeccabile». Il pilota “targato Varese”, dopo circa 5 anni di stop nei quali si è limitato a gareggiare nelle “ronde” o nei rally in circuito, è tornato a disputare una gara di alto profilo a dicembre con il “Monza” nel quale ha colto già due punti mondiali WRC3 (validi ovviamente per la stagione 2020).

Anche grazie a quel risultato, Ogliari ha deciso di iscriversi al Mondiale WRC3 2021 che dunque è iniziato con il piede giusto. Ora dovrà definire un programma in cui inserire altre competizioni iridate. La categoria, per la cronaca, è stata vinta dai francesi Rossel e Foulcrand sempre su Citroen C3 Rally2; la vittoria assoluta è invece andata al leggendario Sebastien Ogier (con Julian Ingrassia) su Toyota Yaris WRC davanti al compagno di squadra Evans e al belga Neuville sulla prima delle Hyundai. Per Ogier è l’ottavo successo assoluto, un risultato che gli permettere di scavalcare il connazionale Loeb tra i plurivincitori.

Damiano Franzetti
damiano.franzetti@varesenews.it

VareseNews è da anni una realtà editoriale, culturale e sociale fondamentale per il territorio. Ora hai uno strumento per sostenerci: unisciti alla membership, diventa uno di noi.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 25 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giorgio Martini Ossola
    Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Che brutta fine che abbiamo fatto….solo 30 anni fa eravamo al vertice con piloti come Biasion,Bettega,Fiorio,Aghini,Cerrato,Tabaton,Liatti,Galli ed erano tempi dove il rallismo richiedeva piloti veri e veri fuoriclasse. Che tristezza..

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.