Solidarietà ieri e oggi: la cooperativa Ferrotranvieri di Gallarate regala il pranzo sociale ai più poveri

Di solito i soci della storica cooperativa si trovavano intorno al 6 gennaio. Quest'anno, con la pandemia in corso, non si è potuto fare e così insieme hanno scelto di offrire invece il pranzo alle persone seguite dalla Caritas

È una piccola storia di solidarietà, raccontata oggi, ma con radici antiche: è la storia dei pranzi donati ai più bisognosi di Gallarate dalle cooperativa Ferrotranvieri.

«Il gesto rientra nella vocazione dello statuto in quanto la cooperativa Ferrotranvieri è nata nel 1946 e ha sempre operato per dare sostegno ai soci, ma non dimenticando mai gli altri» spiega il presidente Emilio Di Biase.
La cooperativa è stata costituita nell’immediato Dopoguerra, nel clima di rinascita delle forme associative dopo il fascismo (che aveva chiuso o fatto proprie tante cooperative, rosse e bianche): «Si chiamava ferrotranvieri perché allora a Gallarate esistevano anche i tram, che oggi ricordano solo pochi anziani» ricorda anche Giuseppe Davola, ex presidente della coop e ancora oggi socio.

Ogni anno, intorno al 6 gennaio, la cooperativa organizza il suo pranzo sociale: momento conviviale e anche per aggiornare tutti sull’attività della cooperativa, che possiede il fabbricato di fronte alla stazione caratterizzato ancora dal cancello in ferro con l’indicazione “Coop Ferrotranvieri” (nella foto, dove un tempo c’era il deposito custodito delle bici). Quest’anno però il pranzo non si è potuto tenere, vista la situazione sanitaria ancora delicata: la cooperativa ha proposto così ai soci la scelta tra ritirare il pranzo da asporto o donare un pranzo a persone in difficoltà. La stragrande maggioranza dei soci hanno deciso di aderire e così la Caritas di Gallarate ha ricevuto – pronti al momento opportuno e concordato – oltre cinquanta pranzi, preparati con maestria dal ristorante Terminal, affittuario della cooperativa.

Un gesto di solidarietà semplice, dentro a una storia decennale di attenzione reciproca: «In questo momento – conclude il presidente Di Biase – è necessario far capire a tutti che non siamo soli e solo attraverso la collaborazione di tutti potremo sperare di superare questo difficile momento, pertanto questo è un gesto che non vuole essere una semplice donazione ma un abbraccio per ripartire tutti insieme».

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 11 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.