Il plasma iperimmune non è efficace nella cura del Covid

Pubblicati i dati sulla sperimentazione della cura con il plasma degli ex pazienti guariti. Il commento del professor Grossi che ha verificato i risultati dello studio

Il plasma iperimmune non è una risposta efficace contro la malattia Covid19. Alla fine del complesso studio, denominato Tsunami, è emerso che la carica anticorpale presente nel plasma non è in grado di frenare o ridurre la malattia una volta che il virus si è replicato.

« Quanto avevamo immaginato è stato confermato dai risultati dello studio – spiega il professor Paolo Grossi, primario di Malattie Infettive all’ospedale di Varese coinvolto nella ricerca promossa dall’Istituto superiore di sanità e da Aifa – Il plasma ha una sua valenza nelle primissime fasi della malattia, quando è in grado di fermare la replicazione virale. Si tratta, però, di un momento che difficilmente avviene in ambito ospedaliero dove, invece, si può gestire le terapia che non può essere fatta a domicilio. Quando la malattia è avviata e il corpo ha innescato la reazione anticorpale è troppo tardi. Il plasma iperimmune non ha alcuna efficacia».

In un comunicato Aifa spiega: 

Hanno partecipato allo studio 27 centri clinici distribuiti in tutto il territorio nazionale che hanno arruolato 487 pazienti. Le caratteristiche demografiche, le comorbidità esistenti e le terapie concomitanti sono risultate simili nei due gruppi di pazienti, 241 assegnati al trattamento con plasma e terapia standard (231 valutabili), e 246 alla sola terapia standard (239 valutabili). Non è stata osservata una differenza statisticamente significativa nell’end-point primario (“necessità di ventilazione meccanica invasiva, definita da un rapporto tra PaO2/FiO2 < 150, o decesso entro trenta giorni dalla data di randomizzazione”) tra il  gruppo trattato con plasma e quello trattato con terapia standard.

Nel complesso TSUNAMI non ha quindi evidenziato un beneficio del plasma in termini di riduzione del rischio di peggioramento respiratorio o morte nei primi trenta giorni.

Solo nel caso dei pazienti con una compromissione respiratoria meno grave (con un rapporto PaO2/FiO2 ≥ 300 all’arruolamento), è emerso un segnale a favore del plasma che non ha però raggiunto la significatività statistica (p=0.059). Questo potrebbe suggerire l’opportunità di studiare ulteriormente il potenziale ruolo terapeutico del plasma nei soggetti con COVID lieve-moderato e nelle primissime fasi della malattia. Il trattamento è risultato complessivamente ben tollerato, anche se gli eventi avversi sono risultati più frequenti nel gruppo che ha ricevuto il plasma.

Quindi le sacche raccolte fino a oggi non serviranno?

« C’è uno studio, a cui partecipa la dottoressa Rosa Chianese dell’ospedale di Circolo, che mira alla produzione di preparati industriali di anticorpi provenienti dal plasma. Si punta a rendere la terapia più immediata attraverso inoculazioni intramuscolari che potranno essere fatte anche a domicilio».

Tramontata l’ipotesi del plasma, rimane, al momento, solo la carta del vaccino anche se, tante notizie contraddittorie, creano molta confusione 

L’indicazione di Aifa perchè si somministri Astrazeneca agli over 60 è solo una raccomandazione dettata da estrema prudenza.  Se vogliamo guardare i dati, a fronte di milioni di vaccinati, i casi di trombosi sono pochissimi e quelli a esito infausto 18. Parliamo davvero del nulla. Il mio consiglio è quello di vaccinarci con quello che abbiamo a disposizione. Ci sono incidenti? Possono capitare ma le probabilità sono infinitesimali.

Alessandra Toni
alessandra.toni@varesenews.it

Sono una redattrice anziana, protagonista della grande crescita di questa testata. La nostra forza sono i lettori a cui chiediamo un patto di alleanza per continuare a crescere insieme.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.