Whirlpool, il Mise riapre il tavolo di trattative. Domani si sciopera

Si riapre in sede ministeriale la vertenza per la chiusura del sito di Napoli. Il tavolo è convocato per mercoledì 23 giugno alle 14

whirlpool

La rsu, rappresentanza sindacale unitaria di Fiom, Fim e Uilm, dello stabilimento Whirlpool di Cassinetta di Biandronno ha comunicato ai lavoratori che mercoledì 23 giugno si terrà un’intera giornata di sciopero per sostenere i lavoratori dello stabilimento di Napoli, chiuso ormai da due anni. Con questo nuovo sciopero le ore dedicate alla vertenza sono oltre settanta. Un sacrificio non da poco per i lavoratori di Cassinetta che proprio in questi giorni hanno ospitato una delegazione di colleghi napoletani.

Lavoratori “in trasferta” a Cassinetta: “Riaprire Whirlpool a Napoli si può”

Venerdì scorso si è tenuta una manifestazione a Roma per fare pressioni sul ministero dello Sviluppo economico affinché venisse riaperto il tavolo delle trattative per una vertenza che va avanti ormai da tre anni. La risposta del ministero è stata affermativa e la convocazione delle parti sociali è prevista per mercoledì 23 giugno alle ore 14.

GIORGETTI E I SUOI PREDECESSORI

Chissà se il ministro Giancarlo Giorgetti riuscirà nell’impresa, dove invece hanno fallito i suoi predecessori, Luigi Di Maio e Stefano Patuanelli? In gioco c’è il destino di 350 lavoratori dello stabilimento napoletano, la cui chiusura non era prevista nel piano industriale, sottoscritto dall’azienda e dai sindacati dei metalmeccanici. I vertici di Whirlpool, invece, unilateralmente, in sede di verifica dello stesso piano, ne annunciarono la fine, creando una spaccatura senza precedenti con il sindacato di categoria.

L’azienda è andata avanti nella decisione presa, fino alla chiusura del sito partenopeo che produceva lavatrici di alta gamma, tra ipotesi di vendita e una trattativa mai decollata. La ferita profonda nelle relazioni sindacali della multinazionale americana, generata da quella decisione, non si è mai chiusa. E così si ricomincia in un contesto certamente difficile, ma diverso rispetto al passato, perché la speranza dei lavoratori è legata alle risorse del Pnrr che potrebbero rilanciare la fabbrica di Napoli anche alla luce del forte aumento dei volumi produttivi che Whirlpool ha avuto negli ultimi mesi.

Whirlpool Emea e la storia di una trattativa mai decollata

Michele Mancino
michele.mancino@varesenews.it

Il lettore merita rispetto. Ecco perché racconto i fatti usando un linguaggio democratico, non mi innamoro delle parole, studio tanto e chiedo scusa quando sbaglio.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 22 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.