Antonio Montinaro, membro della scorta di Falcone, dà il nome al viale della piazza di Brebbia

Ospite all'inaugurazione di venerdì 30 luglio anche Tina Montinaro, moglie dell'assistente di polizia morto insieme al giudice nella strage di Capaci

inaugurazione piazza brebbia

Da venerdì 30 luglio a dare il nome al viale d’accesso della piazza di Brebbia è Antonio Montinaro, assistente di polizia morto insieme al giudice Giovanni Falcone a Capaci il 23 maggio 1992. Una scelta dell’amministrazione comunale per ricordare coloro che hanno dato la vita nella lotta contro la Mafia, ma che spesso vengono dimenticati. All’inaugurazione di venerdì sera ha partecipato anche Tina Montinaro, moglie di Antonio Montinaro. Insieme a lei, sono intervenuti il sindaco di Brebbia Alessandro Magni, il questore di Varese Michele Morelli e il presidente della Provincia di Varese Emanuele Antonelli.

Galleria fotografica

L'inaugurazione della piazza di Brebbia 4 di 7

Tante le persone che venerdì si sono riunite in piazza per l’occasione, tra cittadini, rappresentanti delle forze dell’ordine, delle associazioni e religiosi. A scandire gli interventi delle autorità si è esibita la fanfara dei bersaglieri “A. Vidoletti” di Vergiate. Inoltre, per celebrare l’evento Poste italiane ha realizzato un annullo postale dedicato, apposto su delle cartoline a tiratura limitata consegnate ai partecipanti. Peccato solo per l’arrivo della pioggia, che ha costretto a interrompere in anticipo la manifestazione.

La serata di venerdì ha chiuso la manifestazione in ricordo degli uomini e delle donne in divisa a servizio del Paese cominciata il 19 luglio con l’inaugurazione della nuova sala consiliare del comune di Brebbia, intitolata proprio ad Antonio Montinaro.

«Antonio Montinaro – ha commentato il sindaco di Brebbia Alessandro Magni – è stato un uomo che ha scelto con coraggio di mettere la sua vita al servizio del Paese. Uno di quegli uomini che grazie alla loro forza e al loro coraggio si sono erti a guide delle vite di tutti noi. L’Italia che Antonio Montinaro sognava era quella dei diritti e delle libertà, ma per tutelare i diritti e le libertà la lotta alla Mafia non è solo un dovere morale, ma è una necessità».

«Non è scontato – ha aggiunto il questore di Varese Morelli – che a tanti chilometri da dove si verificò quella tragedia si riesca a parlare di Mafia con tale attenzione e sensibilità. La repressione è solo una parte della lotta alla criminalità organizzata. Lo strumento più importante che abbiamo a disposizione, infatti, è l’educazione dei più piccoli alla legalità».

«Grazie – è poi intervenuta Tina Montinaro – alle autorità per aver ricordato Antonio. Io ho avuto la fortuna di avere un grande marito, che ha deciso di stare accanto a un grande magistrato, Antonio aveva fatto un giuramento al Paese, e io ne avevo fatto uno insieme a lui quando quel giorno di fronte all’altare ci siamo sposati. Se allora i mafiosi pensavano che con quegli attentati avrebbero vinto, ora possiamo dire che si sbagliavano. Ancora oggi noi non dimentichiamo e continuiamo a lottare».

Alessandro Guglielmi
aleguglielmi97@gmail.com

 

Sostenere VareseNews vuol dire sostenere l'informazione "della porta accanto". Quell'informazione che sa quanto sia importante conoscere e ascoltare il territorio e le persone che lo vivono.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 31 Luglio 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

L'inaugurazione della piazza di Brebbia 4 di 7

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.