Violenza di genere, a Varese il convegno “Un aiuto al maltrattante: Perché?”

Appuntamento a mercoledì 22 maggio con l'evento organizzato da Centro Gulliver, Amico Fragile ODV e Ordine Avvocati di Varese, in collaborazione con ANM sottosezione territoriale di Varese e con la partecipazione di Camera Civile di Varese e Camera Penale di Varese

violenza contro le donne

Nella giornata del 22 maggio, dalle ore 9.00 alle 17.30, in CarrozzeHUB prenderà vita il convegno “Un aiuto al maltrattante: Perché?”. Un convegno organizzato da Centro Gulliver, Amico Fragile ODV e Ordine Avvocati di Varese, in collaborazione con ANM sottosezione territoriale di Varese e con la partecipazione di Camera Civile di Varese e Camera Penale di Varese.

Il presidente di Centro Gulliver, Emilio Curtò, ha sottolineato l’importanza di fare rete per l’organizzazione di questo Convegno: “Il coinvolgimento di più enti dimostra la grande capacità di Gulliver di fare rete, tanto più importante in un caso, come questo, in cui è necessaria un’azione corale per approfondire tematiche non sempre facili per il forte impatto emotivo che possono
avere, come quella dei percorsi di recupero e di riabilitazione dei maltrattanti”.

LA LOTTA ALLA VIOLENZA

La giornata inizierà alle 9, con i saluti introduttivi, a cui parteciperà anche lo stesso Curtò: “Gulliver da 40 anni si occupa di cura ed accoglienza di persone fragili, affette da dipendenza di varia natura; e, quindi, per noi naturale occuparci della prevenzione e del disagio giovanile e del contrasto della violenza di ogni genere, in particolare quella sulle donne, ma anche della cura e della riabilitazione del maltrattante.

L’interrogativo di questo Convegno può provocare disagio o, se vogliamo, anche angoscia, alla luce degli eventi tragici che la comunità varesina ha vissuto in questi ultimi tempi, ma non è non parlandone che si affrontano e si risolvono i problemi; il femminicidio e la violenza di genere non stanno diminuendo, anzi, aumentano per numero e brutalità. Gulliver, che è impegnato anche sul versante dell’educazione all’affettività, pensa di poter dare a questo drammatico fenomeno una risposta, non la risposta, che sono persuaso si potrà avere dal confronto di questo Convegno, che prenderà vita il 22 maggio”.

Anche Amico Fragile ODV, nelle parole della sua presidente Liliana Colombo, si conferma attenta alle tematiche legate alla violenza di genere: “L’esperienza nella lotta in prima linea contro la violenza ci sta insegnando che la lotta stessa contro la violenza è assistenza e tutela della donna vittima, è educazione dei giovani verso un modello di società in cui prioritari sono la libertà e i diritti, e non può prescindere dalla rieducazione e recupero di chi oggi è autore ed iniziatore di quella violenza contro cui lottiamo. Per questo Amico Fragile, unitamente a Gulliver, si sta attualmente impegnando nell’attivazione di un progetto per l’autore di violenza nell’ambito delle relazioni intime: un progetto di prevenzione primaria e della recidiva della violenza mediante percorsi specifici psicoterapeutici e rieducativi del maltrattante, ad integrazione del percorso di tutela della vittima e di punizione del responsabile”.

GLI INTERVENTI E IL RECUPERO DEL MALTRATTANTE

Dopo i saluti ci saranno vari interventi di avvocati, magistrati e professori che animeranno la giornata. Tutte queste attività saranno moderate e coordinate dall’Avv. Elisabetta Brusa: “All’interno del territorio varesino non ci sono presenti centri che si occupino del recupero dei maltrattanti, come normato dalla Legge 168/2023, quindi deriva la necessità per avvocati e società di trovare la possibilità, all’interno di associazioni che si occupano di recupero dei maltrattanti, di fare dei percorsi riconosciuti a livello legislativo. Il pensiero è stato quello di individuare delle associazioni dove poter svolgere questi percorsi di recupero, da qui nasce l’impegno di Amico Fragile e di Centro Gulliver di garantire agli autori di reato i luoghi in cui poterli effettuare. Il Convegno nasce per far comprendere, a tutte le figure professionali coinvolte in materia, il proprio ruolo nel percorso riabilitativo del maltrattante. L’evento è importante, perché può permettere di comprendere quali siano gli effettivi bisogni e di trovare delle soluzioni concrete sul nostro territorio”.

Nel pomeriggio prenderà vita una tavola rotonda, coordinata dal direttore di Rete55 Matteo Inzaghi e dal Dott. Dalla Palma, in cui verrà fatta una sintesi dei lavori della mattinata e i partecipanti saranno chiamati ad offrire degli spunti di riflessione sugli interventi svolti.

ISCRIZIONI AL CONVEGNO ED ACCREDITAMENTO

L’iscrizione al Convegno è gratuita e potrà essere effettuata tramite la piattaforma SFERA, per informazioni basterà contattare la seguente mail: segreteria@ordineavvocativarese.it. Verranno attribuiti 6 crediti formativi ai partecipanti del corso, presso l’Ordine degli Avvocati di Varese.

Si potrà seguire la diretta streaming dell’evento, tramite il canale YouTube di Centro Gulliver, acquistando i biglietti su Eventbrite al seguente link: https://urly.it/3_z7z.

Per informazioni sulla diretta streaming e sulla partecipazione online all’evento, scrivere a: comunicazione@gulliver-va.it.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 16 Maggio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.