Antonio di Biase

Laureato in Ingegneria aerospaziale a Milano, si occupa di Sicurezza in Canton Ticino. Eterno studente, è un ghostwriter ludico.

I miei commenti (4)

  1. A rileggerla la mia lettera è un po’ polemica.
    Volevo semplicemente dire che non hanno molto senso le mascherine se poi stiamo vicini alle persone: ad esempio assembrati fuori dal Supermercato.
    A distanza di sicurezza possiamo fare tutto.

    in Quali mascherine servono, ammesso che servano

    10 Marzo 2020 @ 18:14
  2. Non c’è bisogno di bloccare tutto, le norme di “non vicinanza” introdotte stanno già dando qualche frutto e ci porteranno fuori dal guado.
    Tutti nel tempo prenderemo questo virus: molti in maniera del tutto asintomatica, alcuni si ammaleranno gravemente, qualcuno morirà.
    Il conto finale andrebbe fatto pagare al signor Burloni di Ospedaletto, che diede la colpa ai Cinesi.
    Ma alla fine il costo economico, salatissimo con rata mensile di 5-6 anni, lo pagheranno gli Italiani. Lo pagheremo Noi.

    in Contro la superficialità, servono regole ferree

    10 Marzo 2020 @ 21:28
  3. Cara Alessandra, anche io sono un frontaliere che ha contatti con le persone.
    Credo che la tua situazione sia preoccupante soprattutto per i tuoi cari malati ed anziani. E’ bene ricordare ad ogni modo che essere contagiati è solo rimandabile (perché prima o poi lo prenderemo tutti) mentre morire di Covid rimane un fatto raro. Gli ospedali si lamentano perché sono sotto pressione, ma è normale. Tra qualche mese i grandi numeri ci diranno che è stato solo un brutto momento.

    in Io, barista frontaliera, costretta a lavorare senza tutele per la salute

    11 Marzo 2020 @ 19:42
  4. Gli Svizzeri, gli Italiani, i Cinesi e gli Americani ne sanno più o meno lo stesso di virologia ed epidemiologia. Tuttavia, come dice spesso Maurizio Costanzo “la mamma dei cretini è sempre incinta”: ci sono i Italia e ci sono anche in Ticino.
    Piantiamola di seminare il panico: possiamo solo contenere il contagio tenendo il più possibile le distanze tra le persone.
    Non è la Peste, ed è meno del Morbillo: si può anche morire certo, ma è un evento improbabile per le persone sane ed in generale più giovani.

    in Il sindaco di Porto Ceresio: “In Svizzera controlli superficiali a scapito di quel che avviene in Italia”

    12 Marzo 2020 @ 13:23

Foto dei lettori (0)

Notizie (0)

Auguri (0)

Viaggi (0)

Nascite (0)

Matrimoni (0)

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.