Sciopero generale, tutti in piazza. Tutti a piedi

Venerdì 26 rientro a casa più difficile per i pendolari

Sciopero generale venerdì 26 marzo. 
I sindacati hanno organizzato una manifestazione nel capoluogo: partenza ore 9 da piazza Repubblica, comizio finale in piazza Monte Grappa. 
Non mancheranno i disagi su molti fronti a cominciare dai trasporti. Modalità differenti a seconda dei servizi e delle città. Ecco una carrellata. 
Per quanto riguarda la scuola e il pubblico impiego l’attività è sospesa per tutta la giornata del 26 marzo. Le parole d’ordine per lo sciopero della scuola sono "no alla riforma Moratti" e rinnovo del contratto. 

Ferrovie Nord Milano:  i treni, compreso il Malpensa Express, non circoleranno sull’intera rete dalle 19.30 fino al termine del servizio. I treni con orario di partenza alle 19.30 non partiranno.

Per quanto riguarda il solo Malpensa Express, saranno istituite corse sostitutive senza fermate intermedie durante l’orario dello sciopero con partenze agli stessi orari del treno; i capilinea degli autobus saranno in via Paleocapa al numero 1 (zona Stazione Cadorna) e nel piazzale davanti alla stazione di Malpensa.

Per gli autobus di FNM Autoservizi, lo sciopero avverrà secondo le seguenti modalità: nella provincia di Brescia dalle 9 alle 12.30, nelle province di Milano, Como e Varese dalle 19.30 a fine servizio.

Sciopero generale di 4 ore anche per il personale ATM addetto alla guida dei treni delle linee metropolitane, dei mezzi di superficie, del servizio Radiobus, dei parcheggi e del servizio di metropolitana leggera automatica tra l’Ospedale San Raffaele e la stazione Cascina Gobba (M2). Chi aderisce all’agitazione si asterrà dal lavoro dalle 18.00 alle 22.00.
Per ulteriori informazioni: Numero Verde 800.80.81.81, operativo tutti i giorni dalle 7.30 alle 19.30. 

Autobus dell’Avt fermi dalle 17 alle 21, mentre i trasporti gestiti dall’Agesp di Busto Arsizio non circoleranno dalle 17.30 a fine servizio. 
Per Acqua e Gas, Parcheggi, Piscine e ServiziCimiteriali: lo sciopero riguarderà le prime quattro ore del servizio; Igiene Ambientale: ultime quattro ore del servizio; Farmacie: tutta la durata della prestazione lavorativa.

A Gallarate, invece, autobus dell’Amsc fermi dalle 16,40 alle 20,40. Disagi anche nei settori acqua-gas-piscine con sospensione dell’attività nelle prime 4 ore; igiene urbana ultime 4 ore, farmacie intero turno di lavoro. 

Voli regolari invece a Malpensa e Linate (lo sciopero dei piloti dell’Alitalia è in programma per il 29 marzo) 

Aspem:  lo sciopero è previsto per le prime 4 ore di ogni turno lavorativo del medesimo 26 marzo. 
Questi i comuni interessati dallo sciopero: 
Servizio Acquedotto: Varese, Arcisate, Azzate, Arcisate, Barasso, Besnate, Buguggiate, Cantello, Caravate, Carnago, Caronno Varesino, Casciago, Castronno, Cazzago Brabbia, Cittiglio, Comerio, Galliate Lombardo, Gazzada Schianno, Germignaga, Inarzo, Jerago con Orago, Lozza, Luino, Luvinate, Maccagno, Malnate, Marzio, Monvalle. 
Servizio Gas: Varese, Brinzio, Casciago, Lozza. 
Lo sciopero dichiarato potrà produrre i seguenti disservizi: chiusura dell’Ufficio Clienti Acquedotto – Gas; 
non effettuazione degli allacciamenti idrici e del gas. 
Vengono comunque garantite le prestazioni minime di servizio come definite negli accordi applicativi della normativa vigente quali l’erogazione di acqua e gas e gli interventi di emergenza. 

Servizio Igiene Urbana: Varese e Binago. 
Lo sciopero dichiarato potrebbe determinare presso i Clienti la mancata raccolta dei rifiuti e delle raccolte differenziate. Lo spazzamento in programma potrebbe non essere completato. L’Aspem invita i clienti a rimuovere dai luoghi e dalle aree pubbliche i sacchi che non venissero ritirati e i contenitori delle raccolte differenziate non vuotati o ritirati. I servizi verranno riattivati nei termini normalmente previsti a sciopero ultimato.

Anche i bancari della provincia di Varese si fermano per lo Sciopero Generale a ui aderisce anche la FABI, a livello nazionale, per tutta la Categoria del Credito. Gli addetti del Settore, quasi 4.000 unità, operanti in circa 450 sportelli, distribuiti su tutto il territorio provinciale, si asterranno dal lavoro, per l’intera giornata.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 marzo 2004
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.