Assalto alla villa con un’arma giocattolo

Continuano le indagini dei carabinieri di Gallarate. E' caccia ai quattro banditi, slavi o albanesi, fuggiti senza bottino

Non hanno portato via niente i quattro rapinatori, forse slavi o albanesi, che ieri sera, sabato 20 ottobre, poco prima delle 22 hanno fatto irruzione in una villa di via Ancona, al civico 1, a Gallarate.
Un’incursione “anomala”, come gli stessi inquirenti l’hanno definita proprio per le modalità con cui si è svolta.
Secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri di Gallarate i proprietari della villa, i coniugi Ugolini, 50 anni, si trovavano a casa quando hanno sentito dei rumori all’esterno, nel giardino. Hanno aperto la porta per controllare e si sono trovati di fronte quattro persone con il volto coperto. I banditi, secondo quanto raccontato dai proprietari, avevano un accento straniero, forse albanese o slavo. I quattro hanno chiesto all’uomo di guidarli alla cassaforte, cassaforte che, a quanto pare, nella villa non c’è.
A quel punto i malviventi si sono spazientiti: uno ha sferrato un colpo con il calcio di una pistola sulla testa del proprietario, quindi lo ha legato. La pistola si è rivelata essere in realtà un’arma giocattolo: i carabinieri l’hanno ritrovata sul pavimento dell’appartamento, rotta.
Hanno legato l’uomo e spintonata la donna; quel che è accaduto dopo è ancora da chiarire, pare però che uno dei banditi, portato con una scusa al piano inferiore da Carlo Ugolini, abbia aperto una porta che ha fatto scattare l’allarme della villa.
A quel punto sono fuggiti in auto, senza portare via nulla. Il Rolex del proprietario è stato ritrovato così come i soldi che i coniugi tenevano in casa. Le indagini dei carabinieri di Gallarate e del Nucleo Operativo di Varese continuano. Così come la ricerca su tutto il territorio della provincia dei quattro banditi di cui per ora si sono perse le tracce.
I coniugi Ugolini sono stati medicati all’ospedale di Gallarate: la prognosi per il marito è di dieci giorni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.