Ecosistema urbano, Lombardia bocciata

Nel rapporto annuale di Legambiente nessuna città lombarda nella top ten. Varese ferma al 32° posto, Milano al 49°, in coda Lodi 51^

Nessuna lombarda tra le dominatrici della classifica di Ecosistema Urbano. Bisogna infatti scendere di 12 posizioni rispetto alla vincitrice Belluno per trovare Mantova, e poi sempre più giù verso la metà della classifica dei 103 capoluoghi monitorati fino alla 51a posizione di Lodi. Tutti gli altri capoluoghi lombardi lontani dai posti più alti della classifica. E’ il rapporto nazionale Ecosistema Urbano 2009, l’annuale ricerca di Legambiente sulla qualità ambientale delle 103 città capoluogo di provincia realizzata con la collaborazione scientifica dell’Istituto di ricerche Ambiente Italia e la collaborazione editoriale de Il Sole 24 Ore, presentato questa mattina a Belluno, città che aveva ottenuto il primo posto della classifica nazionale anche l’anno scorso. 

Sono lontani dunque tempi in cui le città lombarde salivano sul podio e “tiravano” la classifica nazionale: la locomotiva lombarda ha perso lo smalto di un tempo. Nel 2003 e nel 2004 la testa della lista era monopolizzata da Cremona, Mantova, Bergamo, Sondrio, Pavia e Lecco. I capoluoghi lombardi hanno pian piano perso quella funzione di traino delle politiche ambientali locali che avevano: cinque anni fa primeggiavano in alcuni indicatori (gestione dei rifiuti, lotta al traffico, buona gestione delle acque…), ora si sono fermati e sono stati superate da altre città. Certo, siamo ancora bravi a differenziare rifiuti, ma c’è chi lo sa fare molto meglio di noi, ed in ogni caso ne produciamo sempre di più. Sulle politiche per la mobilità, aspettando gli effetti dell’Ecopass di Milano, per ora siamo al palo, con poche piste ciclabili e zone pedonali (fatte salve le città della ‘Bassa’) ed in compenso con livelli di inquinamento sempre tra i più alti d’Italia. Su energie rinnovabili ed efficienza energetica andiamo avanti pianissimo, con la depurazione delle acque siamo abbastanza in regola, mentre il verde urbano non è mai stato il nostro forte. La rimonta di Milano, che scavalca Roma (grazie soprattutto alla depurazione delle acque) e ottiene una postazione di mezza classifica, non basta a consolarci di quanto poco si è fatto nel campo delle politiche ambientali in Lombardia. 

Da evidenziare la notevole flessione di Mantova che in un anno perde il terzo gradino del podio e si ritrova in dodicesima posizione in particolare per l’aumento dell’inquinamento e per la diminuzione della raccolta differenziata. Cede sei posti anche Pavia: quest’anno solo 16°. Per Bergamo, oggi 20°, si parla addirittura di 18 gradini della classifica persi. Stazionaria Como che resta 21° anche nel 2009. Sale invece di 10 posizioni Brescia che dalla 35° posizione arriva quest’anno alla 25°. Nessun miglioramento si registra a Varese (32°) che da due anni non si sposta di un passo nella classifica. Mentre Cremona sale dalla 44° posizione alla 40°, Sondrio recupera 19 posizioni e si attesta al 41° posto. Cade in 44° posizione Lecco: l’anno scorso era 30°. Al 49° posto troviamo Milano che recupera 9 posizioni e supera Roma. Fanalino di coda tra le lombarde anche quest’anno è Lodi (51°) seppure in rimonta: sale di 10 posti. 

Milano, dunque, raggiunge faticosamente una posizione di metà classifica (49°), con un voto di 52,47, e supera Roma. I fattori che hanno consentito questa lenta risalita sono determinati dal lieve miglioramento dell’inquinamento atmosferico registrato nel 2007, dal calo dei consumi d’acqua potabile e dal completamento dei depuratori. Ma anche per la diminuzione delle auto circolanti tra i residenti, la buona tenuta del trasporto pubblico, l’estensione, seppur lentissima, delle isole pedonali (0,27 metri quadrati per abitante), il calo del consumo di combustibili e dalla faticosa crescita del teleriscaldamento. Milano però continua ad essere a metà classifica perchè si è fermata e ha perso posizioni nella gestione dei rifiuti: la differenziata resta al 31,2%, ancora lontana dall’obiettivo di legge del 45%. Ecopass a parte, sono in ritardo le politiche di riduzione del traffico e dell’inquinamento da esso prodotto. Nessun miglioramento per quanto riguarda metropolitane, tram, biciclette e mobilità sostenibile. Si registra inoltre una passività totale sull’edilizia efficiente, il solare e le rinnovabili sui tetti, sulle certificazioni ambientali, gli acquisti ecologici. 

Il meglio e il peggio delle città lombarde

Sinteticamente alcuni indicatori di Ecosistema Urbano 2009 di Legambiente e le performance urbane migliori e peggiori in questi parametri 

Pm10 (media annua in microgrammi/mc)

Le migliori: Varese (29,5) Lecco (35,0) Sondrio (38,0)

Le peggiori: Milano (51,0) Lodi (49,4) 

NO2 (media annua in microgrammi/mc)

Le migliori: Sondrio (31) Mantova (34,5)

Le peggiori: Milano (62,8) Lecco (57,0) 

Ozono (O3) (media giorni superamento del limite)

Le migliori: Milano (38,0) Cremona (55,5)

Le peggiori: Bergamo (88) Mantova (87) Pavia (86) 

Consumi Idrici (lt/abitante(giorno)

Le migliori: Cremona (160,3) Varese (190,9)

Le peggiori: Bergamo (247,2) Pavia e Sondrio (229,8)

Perdite d’acqua

Le migliori: Sondrio e Mantova (4%)

Le peggiori: Varese e Cremona (32%) 

Depurazione acqua (% di reflui depurati correttamente)

Le migliori: Bergamo, Sondrio e Lecco (100%) Cremona (99%) Milano (98%)

Le peggiori: Como (86%) 

Raccolta differenziata (% rifiuti raccolti separatamente sul totale)

Le migliori: Lecco (54,4%) Bergamo (48,8)

Le peggiori: Milano (31,2) Pavia (26,7) 

Consumi carburante (kep/abitante/anno)

Le migliori: Como (376) Varese (382)

Le peggiori: Brescia (505) Sondrio (578)  

Elettricità (kW/abitante/anno)

Le migliori: Cremona (1031)

Le peggiori: Bergamo (1301) Mantova (1297) Pavia (1250)

Trasporto pubblico (viaggi/abitante/anno)
L

Isole Pedonali (metri quadrati per abitante)
Le migliori: Cremona (1,26) Mantova (0,94)
Le peggiori: Lecco (0,14) Como (0,15) Bergamo (0,00)

Ztl (metri quadrati per abitante)
Le migliori: Mantova (17,49)
Le peggiori: Lecco (3,24) Milano (0,05)

Piste ciclabili (metri lineari ciclabili per abitante)
Le migliori: Mantova (28,75)
Le peggiori: Varese (1,52) Milano (1,62) Como (1,70)

Verde urbano (metri quadrati per abitante)
Le migliori: Mantova (26,85) Sondrio (18,14)
Le peggiori: Como (4,97) Lecco (6,25) Bergamo (7,74)

e migliori: Milano (415)
Le peggiori: Sondrio (5) Cremona (19) 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.