Mucci: “Alitalia, serve una terapia d’urgenza”

Il sindaco di Gallarate con una lettera aperta si unisce al coro di protesta contro i nuovi tagli nello scalo della brughiera operati dalla compagnia di bandiera

Anche da Gallarate si leva la protesta contro i nuovi tagli a Malpensa attuati da Alitalia nella prossima stagione invernale: «In qualità di sindaco di Gallarate, quindi di una città che da sempre partecipa alle sorti dell’aeroporto di Malpensa, desidero esprimere pubblicamente la mia personale preoccupazione e quella dell’intera amministrazione comunale per le notizie riportate dai mezzi d’informazione su probabili, ulteriori tagli alla presenza di Alitalia nel vicino maxiscalo – commenta Nicola Mucci -. Il territorio della Provincia di Varese, infatti, è fondamentale nel supporto alle attività aeroportuali, sia sotto il profilo economico quanto sotto quello occupazionale. La nuova ritirata della compagnia di bandiera sembra, fra l’altro, la prosecuzione di una strategia che non ha, sinora, dato alcun risultato positivo sul mercato ad Alitalia e ha fortemente penalizzato Malpensa. Tale strategia ha portato danni concreti e oggi logora la fiducia degli operatori economici, il cui disagio è sempre più evidente agli amministratori locali. L’inquietudine nasce dalla constatazione delle crescenti difficoltà nel raggiungere rapidamente e con voli diretti importanti città italiane, europee e intercontinentali, situazione che danneggia la competitività del mondo produttivo, soprattutto nel nostro territorio. Osservando la situazione nel suo complesso, si ravvisa la necessità di una urgente terapia, utile ad impedire che Malpensa sia lasciata in una condizione di incertezza, peraltro senza evidenti vantaggi per Alitalia. In linea, dunque, con le dichiarazioni del presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e del sindaco di Milano, Letizia Moratti – chiosa Mucci -, chiedo, a nome di una città che vive a stretto contatto con l’aeroporto e la sua economia, un’accelerazione nel tradurre in pratica il progetto Fenice, una rapida predisposizione degli strumenti normativi per il riassetto del trasporto aereo e una tempestiva soluzione al problema degli slot di Malpensa, fondamentali per il rilancio dello scalo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.