L’osservatorio di Tradate scopre due nuove stelle

Inviati a Ginevra ed Helsinki i dati della scoperta realizzata dalla fondazione Foam13. Il presidente: “Sono stelle variabili e possono rivelare molto in merito alla natura ed alla proprietà delle evoluzioni stellari”

L’osservatorio astronomico di Tradate ha scoperto due stelle variabili. Inizio anno alla grande per la fondazione Foam13 che gestisce la struttura all’interno del Parco Pineta, che giunge nel 2009 al secondo anno di vita. La scoperta è piuttosto singolare e riguarda stelle che non hanno una luminosità costante. La maggior parte delle stelle, infatti, ha una luminosità quasi costante, come il nostro Sole; altre, quelle molto giovani o molto vecchie, hanno invece variazioni che possono essere piccole, grandi, regolari, irregolari o perfino distruttive a seconda del tipo di stella. Le due stelle variabili, scoperte tra il 17 e del 19 febbraio, sono state identificate come stella “Variabile RR Lyrae” e la seconda come stella “Variabile ad eclisse”.
«Studiare le stelle variabili – spiega il presidente della Foam 13, Roberto Crippa – è importante poiché esse possono rivelarci molto in merito alla natura ed alla proprietà delle evoluzioni stellari; inoltre i dati relativi alla distanza, alla massa, al raggio, alla struttura interna ed esterna, alla composizione, alla temperatura e alla luminosità di tutte le altre stelle possono essere determinate grazie allo studio proprio delle stelle variabili. Questo importante risultato raggiunto è il frutto di campagne osservative scientifiche che la Foam13 ha programmato ed attuato dalla fine del 2007».
 
La stella variabile RR Lyrae, scoperta dalla Foam13, è del tipo HADS/SXPhe ed appartiene ad una importante classe di stelle giganti variabili; queste stelle sono di solito usate come “candele standard” su distanze galattiche oppure per misurare la distanza degli ammassi globulari dove spesso si trovano; hanno massa inferiore a quella del Sole ma possiedono un raggio 4 o 5 volte superiore a quello della nostra stella diurna; queste stelle che prendono il loro nome dal prototipo della categoria, la stella variabile RR Lyrae che si trova nella costellazione della Lira, si dilatano e si contraggono con periodi di tempo inferiore alle 24 ore, e le loro pulsazioni radiali sono ancora oggetto di studio.
La seconda stella variabile, spiegano dall’osservatorio, è del tipo ad eclisse, in quanto la variazione della luminosità non è intrinseca, ma è dovuta al periodico passare delle due stelle, in orbita reciproca, una davanti all’altra lungo la nostra direzione d’osservazione; le due componenti del “sistema binario” si eclissano reciprocamente e la luce che vediamo varia nel tempo periodicamente.
 
«Questo primo successo – prosegue Crippa – ripaga della fatica di tante notti trascorse ad osservare il cielo da parte di tutti i collaboratori della Foam13, ma soprattutto mostra l’eccellente qualità del Telescopio Principale da 65 cm di diametro dell’Osservatorio Astronomico di Tradate, il più grande della provincia di Varese».
Le due importanti scoperte fatte dalla Fondazione sono state realizzate in collaborazione con la Stazione Astronomica di Sozzago (SAS), l’Osservatorio Astronomico diretto Federico Manzini; i dati sono poi stati inviati all’Università di Ginevra e al Dipartimento di Matematica e Statistica dell’Università di Helsinki, con cui la Foam13 ha collaborazioni scientifiche per i dati fotometrici, non solo per le stelle variabili, ma anche per lo studio degli asteroidi e dei nuclei cometari.
«Il prestigioso risultato conseguito – conclude Crippa – non ha fatto altro, poi, che spingere tutti noi della Foam13 ad impegnarci ulteriormente nella speranza di nuovi successi in campo astronomico».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 marzo 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.