Operazioni antidroga e anti immigrazione clandestina della Polaria

Numerose operazioni della Polizia di Frontiera di Malpensa nell’ultima settimana nei confronti di cittadini stranieri

Numerose operazioni della Polizia di Frontiera di Malpensa nell’ultima settimana nei confronti di cittadini stranieri che hanno tentato invano di entrare sul territorio italiano dall’aeroporto varesino per trafficare stupefacenti o per aggirare le leggi sull’immigrazione.
 
Oggi, 16 novembre, gli uomini della Polaria di Malpensa hanno arrestato un cittadino macedone del 1976 in arrivo da Budapest. L’uomo, accompagnato da personale dell’Interpol, era già stato colpito da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Trento per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti nell’ambito dell’operazione denominata “Apuleio”. Il cittadino macedone è stato immediatamente trasferito al carcere di Busto Arsizio.
 
Domenica 15 novembre è stato individuato, mentre rientrava sul territorio italiano proveniente da La Romana un cittadino dominicano nato nel 1984 destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare per traffico di stupefacenti. Anch’egli è stato trasferito in carcere a Busto Arsizio.
 
Venerdì 13 novembre un cittadino americano del1959 residente in Texas e proveniente dall’aeroporto di Newark è stato trovato in possesso, all’interno del bagaglio a mano, di un caricatore contenente 20 proiettili traccianti. Accompagnato negli Uffici della Polizia di Frontiera, le munizioni sono state sequestrate e il texano ha potuto riprendere il proprio viaggio per la Germania.
 
Falso allarme giovedì 12 novembre, quando è arrivata a Malpensa una chiamata urgente dell’Interpol albanese che segnalava un possibile sequestro di persona ai danni di un cittadino di quel Paese in arrivo in Italia nell’aeroporto varesino: l’albanese nato nel 1957 è stato trovato a bordo di un volo proveniente da Tirana, volo immediatamente controllato dal personale di polizia. il cittadino albanese ha provveduto a chiarire la situazione e ha  potuto pertanto entrare, senza ulteriori problemi, sul territorio italiano.
 
Fra sabato e domenica sono inoltre stati respinti verso i rispettivi paesi di provenienza o di origine quattro cittadini extracomunitari che tentavano, con un transito fittizio di introdursi sul territorio italiano: un egiziano proveniente dal Il Cairo del 1986, un algerino del 1987  proveniente da Algeri ed in prosecuzione per Il Cairo, un turco del1962 da Istanbul con tratta fittizia per Tunisi, una cittadina paraguayana del 1969 proveniente da San Paolo (Brasile) ed in prosecuzione per Madrid.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.