Scopri la montagna con Mipam 2010

Al via venerdì l'edizione della Mostra Prodotti e Animali della Montagna, con tantissimi espositori e prodotti tipici

Sono iniziati lunedì gli imponenti lavori di allestimento dell’area Gaggetto di Laveno, che ospiterà da venerdì a domenica prossima l’edizione 2010 della Mipam. A tre giorni dal taglio di nastro si iniziano a conoscere i dettagli numerici della quindicesima edizione della Mostra Prodotti e Animali della Montagna che, dati alla mano, conferma di essere notevolmente cresciuta rispetto al passato. Più animali, più bancarelle, più prodotti tipici e più spettacoli caratterizzeranno infatti il ricchissimo programma della tre giorni, che punta a confermare e superare il bilancio di circa 30000 presenze del 2009.

In un clima di grande attesa da parte degli organizzatori, degli addetti ai lavori e anche del pubblico, si inseriscono anche i commenti dell’assessore all’agricoltura di Regione Lombardia Giulio De Capitani e del Presidente di Comunità Montana Valli del Verbano Marco Magrini.
 
I NUMERI
Significativi, per meglio comprendere l’imponenza della Mipam 2010, i dettagli forniti dagli organizzatori. Per quanto riguarda la presenza di animali ad esempio, sono previsti 60 bovini della razza Bruna, più di 200 esemplari della capra Nera di Verzasca e 70 cavalli, oltre alle aree dedicate a conigli e animali da cortile in genere. Molto più ampia rispetto al 2009 l’intera area della fiera, che sfrutterà tutto il Gaggetto, zona parcheggi compresa. Al suo interno il mercatino supererà i 300 metri di lunghezza, mentre saranno oltre 60 le bancarelle con prodotti tipici. Saranno inoltre 4 i presidi di Slow Food, ci sarà un’area famiglie allargata e un grande settore dedicato alla ristorazione organizzato da Pro Loco Laveno Mombello, ristorante “La Bussola” di Cittiglio, “Barlafus” e Associazione Nazionale Alpini Gruppo di Laveno Mombello e Cittiglio. Numerose anche le altre aree che proporranno ad esempio uno stand del Nucleo Carabinieri Politiche Agricole, che dipende direttamente dal Ministero dell’Agricoltura, spazi per le proiezioni, palestre per l’arrampicata curate dal Cai e molto altro. Il costo complessivo indicativo della Mipam 2010 è invece di circa 150mila euro.
 
I COMMENTI
A tre giorni dall’apertura della fiera non è mancato un intervento dell’assessore all’agricoltura di Regione Lombardia Giulio De Capitani, che sarà presente al taglio di nastro di venerdì alle 18 “Anche quest’anno – ha spiegato – l’assessorato all’agricoltura di Regione Lombardia ha voluto essere presente alla Mostra Prodotti e animali della Montagna, a testimonianza del valore della manifestazione. La montagna evoca immagini emozionanti e suggestive, richiama storie di fatica quotidiana, dedizione alla terra, passione, sacrificio e l’agricoltura nelle zone montane offre produzioni di inestimabile qualità, ponendosi anche come custode insostituibile del territorio. In questo scenario, nella splendida cornice di Laveno Mombello, abbiamo modo attraverso la Mipam di apprezzare la ricchezza delle produzioni tipiche varesine accanto a quelle dell’intera regione, in un ideale viaggio attraverso le storie e le identità dei nostri territori. Prodotti unici come la Formaggella del Luinese, fatta con il latte della capra Nera di Verzasca, il miele Varesino, i salumi e il latte di impareggiabile qualità. Ma voglio ricordare anche il florovivaismo, altro settore espressione dell’eccellenza varesina. Sono davvero riconoscente a tutti coloro che hanno profuso tanto impegno nell’organizzazione di questa Mostra, testimonianza viva delle produzioni e delle tradizioni del mondo rurale.”
L’assessore Giulio De Capitani ha fornito anche alcuni dati significativi sulla qualità produttiva lombarda: ad esempio i prodotti che hanno ottenuto il riconoscimento europeo DOP o IGP sono 22; per i vini sono 15 le DOC e 4 le DOCG; tra i prodotti tradizionali invece se ne contano 238, preziosi e unici come le pesche di Monate, l’asparago di Cantello o il violino di capra.
 
Il Presidente di Comunità Montana Valli del Verbano Marco Magrini ha invece espresso soddisfazione per gli aspetti organizzativi e tecnici della Mipam «Quest’anno – ha detto – grazie all’impegno del Comune di Laveno e della Provincia di Varese siamo riusciti a coinvolgere Ferrovie Nord e Navigazione Lago Maggiore, e con una promozione sicuramente maggiore sarà possibile ottenere risultati ancora più significativi anche in chiave di affluenza di pubblico. A prescindere da ciò la Mipam 2010 si annuncia più intensa anche dal punto di vista della qualità tecnica dei prodotti e degli animali, e se il tempo sarà bello non c’è dubbio che tutte le potenzialità della Mostra saranno espresse al meglio”.
Qualche altro numero riguarda proprio la promozione citata da Marco Magrini: sono ad esempio 10000 gli opuscoli, 2000 i cataloghi, 400 i manifesti e una decina gli striscioni distribuiti in più di 20 Comuni della Provincia di Varese, con puntate anche in Piemonte.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.