Facebook impone la sua moneta per tutti gli acquisti

Da luglio per acquistare beni virtuali nei giochi dovremo usare per forza la moneta del social network. Nei supermercati USA ci sono già delle schede ricaricabili

Facebook ha deciso di rendere obbligatorio l’uso della sua valuta (i crediti Facebook) per tutti gli acquisti che si faranno sul suo social network.

I crediti Facebook sono una moneta virtuale che l’azienda propone già da tempo. Un utente, con la propria carta di credito, può acquistare un certo quantitativo crediti, che poi potranno essere usati nelle applicazioni di Facebook. Possono essere usati, ad esempio, per acquistare personaggi in videogiochi come Farmville, o per acquistare servizi premium per pagine aziendali. Negli USA sono disponibili anche delle schede ricaricabili, che consentono agli adolescenti di avere dei crediti senza usare la carta di credito.

Fino ad oggi, però, chi lavorava con Facebook poteva decidere se farsi pagare direttamente in valuta reale, o se farsi pagare in crediti. Entro il 1° luglio 2011, invece, Facebook obbligherà tutti gli sviluppatori di giochi ad utilizzare la sua valuta. Secondo l’azienda questo renderà più semplici e trasparenti gli acquisti, ma è anche vero che Zuckerberg ci guadagnerà non poco: quando si acquista in crediti, il 30% della spesa viene devoluto a Facebook, il 70% allo sviluppatori.

Al momento Facebook non vieterà l’uso di altri sistemi di pagamento ma si limiterà a imporre la presenza del suo. In parole povere, sta nascendo una vera e propria moneta, quella di uno degli stati più popolosi al mondo: Facebook. 1 credito Facebook vale 10 centesimi di dollaro, e viene pagato in euro in base al tasso del giorno in cui acquistiamo i crediti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.