Gadda: “Sistri e tracciabilità dei rifiuti: non abbassiamo la guardia”

«Ho presentato a mia prima firma un'interrogazione al governo affinché vengano chiariti gli impegni presi in materia di semplificazione»

Riceviamo e pubblichiamo

E’ necessario fare urgente chiarezza sul Sistri, il sistema di controllo e tracciabilità dei rifiuti, che dalla sua adozione nel 2009 ha mostrato numerose criticità di applicazione. Un sistema moderno ed efficiente di controllo dei rifiuti è essenziale. Per questo motivo ho presentato a mia prima firma un’interrogazione al governo affinché vengano chiariti gli impegni presi in materia di semplificazione e illustrati in modo definitivo gli esiti della Commissione di collaudo che doveva concludere i lavori entro il 31 Gennaio scorso. Secondo l’attuale normativa il 3 marzo tutti i produttori di rifiuti pericolosi saranno soggetti al Sistri. Ci sono elementi che non sono ancora noti, come la piena operatività tecnica del sistema, l’impatto organizzativo ed economico sulle imprese e i benefici ambientali sulla piena tracciabilità dei rifiuti. Per questo prima di estendere il Sistri a centinaia di migliaia di imprese è fondamentale avere la certezza che il sistema funzioni e che sia gestibile dalle aziende, soprattutto quelle di piccole e medie dimensioni. E’ solo questa la motivazione della proroga richiesta in commissione e riproposta in aula con un emendamento al Milleproroghe. E’ quanto afferma l’On. Carrescia, per altro firmatario di una proposta di legge per la sostituzione del Sistri con sistemi di tracciabilità veramente efficaci e sostenibili. Il ciclo dei rifiuti è uno dei più importanti ambiti di attività della criminalità organizzata, ma non possiamo pensare di combattere le mafie con un sistema su cui da più parti sono state sollevate criticità e allo stesso tempo penalizzare le aziende oneste ed efficienti. Chiediamo chiarezza proprio perché vogliamo che su questo tema delicato e importante non si abbassi la guardia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.