In fuga dalla Polizia: guidava l’auto di cui aveva denunciato il furto

Dopo l'inseguimento nelle vie di Cedrate la Polizia ha setacciato l'auto, senza trovare niente di compromettente. Se non l'auto stessa: l'ipotesi è quella di una truffa

Inseguimento e spari a Cedrate

C’è un tentativo di truffa alla base del rocambolesco inseguimento che ha agitato il pomeriggio di giovedì a Gallarate, nel quartiere di Cedrate.

L’uomo che era alla guida – un uomo sui trent’anni, italiano, che non ha precedenti – è stato fermato e portato in Commissariato per chiarire l’episodio e le ragioni della fuga: gli agenti, dopo aver accuratamente perquisito l’auto, non hanno trovato alcun elemento compromettente o sospetto.

Niente droga o armi o soldi. Niente, se non l’auto stessa, un grosso fuoristrada di lusso: che è di proprietà del conducente e che risultava però rubata alcune settimane fa a Gallarate. Il sospetto è che il proprietario avesse denunciato il furto per truffare poi l’assicurazione, visto anche l’alto valore del veicolo. Fermato dalla Polizia Stradale, avrebbe tentato la fuga appunto per non farsi riconoscere e per evitare che la truffa venisse scoperta.

La fuga è stata fermata dagli agenti della Polstrada, a cui si sono aggiunti poi anche uomini delle Volanti di Gallarate. Alcuni testimoni hanno riferito di aver sentito alcuni spari nel corso dell’inseguimento, fin da via XXIV maggio: la circostanza è però esplicitamente esclusa dalla Polizia. Va notato che – al momento culminante dell’inseguimento sui veicoli, prima della fuga a piedi del condicente – l’auto si è schiantata con violenza e sono esplosi anche gli airbag: una serie di momenti concitati che hanno creato molta apprensione nelle persone presenti nei dintorni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore