Cassano festeggia con i ragazzi e le ragazze il 1° maggio

Bella iniziativa del circolo Acli, che ha coinvolto otto classi delle scuole medie. Un percorso di approfondimento e un concorso da cui è nato il logo

Cassano Magnago generica

Nei prossimi giorni, come da tradizione consolidata, verranno affissi nel territorio comunale i manifesti del circolo ACLI di Cassano Magnago, per ricordare e celebrare la Festa dei Lavoratori del 1° maggio.

Come già avvenuto lo scorso anno, il soggetto dei manifesti è frutto di una attività di educazione alla cittadinanza svolto da ragazzi e ragazze delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado. Hanno aderito all’iniziativa le sei classi della scuola secondaria di 1° grado “I. Orlandi” dell’Istituto Comprensivo Parziale “Dante Alighieri” e due classi della scuola secondaria di 1° grado ”G. B. Maino” dell’Istituto Comprensivo Cassano 2.

Gli elaborati sono stati prodotti a completamento di un percorso formativo che ha chiamato i ragazzi, a riflettere e confrontarsi sul tema del lavoro e dei valori umani, civici, etici e sociali ad esso sottesi. Grazie alla disponibilità offerta dalle dirigenti scolastiche dei due plessi, sono stati coinvolti circa 180 studenti.

Gli incontri, della durata di un’ora per ogni classe, sono stati inizialmente introdotti dal Presidente del circolo Giuseppe Banfi che ha presentato l’attività delle ACLI nel territorio (cosa sono, cosa fanno, con chi e dove operano, sulla base di quali valori) e ha ricordato gli articoli della Costituzione che dettano i principi sui quali fondare i diritti e i doveri dei cittadini in ordine al lavoro.

Di seguito la dottoressa Annamaria De Leo, pedagogista e formatrice, che ha collaborato con il nostro circolo nella preparazione di questi incontri, ha coinvolto i ragazzi, stimolandoli nella riflessione ed elaborazione personale su cosa è il lavoro. Alla riflessione di ciascuno dei ragazzi, riportata su dei cartoncini, è poi seguita una fase di ri-organizzazione delle idee proposte ed una valutazione collettiva.
Al termine della lezione ai ragazzi è stata consegnata una breve storia della festa del lavoro.

Infine, i ragazzi sono stati invitati a preparare degli elaborati grafici in un formato specifico per la trasformazione in manifesto, che sono stati poi esaminati dai soci del circolo durante l’assemblea annuale svoltasi domenica 8 Aprile, per scegliere quello più rappresentativo da utilizzare come manifesto per il 1° Maggio.

A questo invito hanno risposto molti ragazzi che, singolarmente od in gruppo, hanno prodotto quarantuno elaborati, «tutti molto interessanti e in genere molto ben costruiti: è stato arduo dover scegliere quello da utilizzare per il manifesto escludendo tante belle proposte», spiegano dal Circolo.

Dopo «ampia discussione» è stato votato l’elaborato di un gruppo di due ragazzi e una ragazza della classe terza “E” della scuola I.Orlandi” che verrà esposto alle pubbliche affissioni per ricordare ai cittadini il senso del 1° Maggio». Il logo riprende il motivo esagonale del logo delle Acli.

Durante l’assemblea dei soci, oltre al lavoro scelto per il manifesto, sono stati individuati altri quattordici elaborati che verranno premiati il 13 maggio in occasione di una apposita iniziativa presso l’Oratorio San Carlo durante la quale verranno esposti tutti i lavori prodotti dai ragazzi.

«La presidenza del circolo Acli Mario Rimoldi ringrazia le dirigenti dei due plessi scolastici per l’ampia disponibilità e le insegnanti delle classi coinvolte per la preziosa collaborazione. Questa iniziativa ci ha dato modo di ottemperare ancora una volta al nostro ruolo di associazione impegnata sui temi sociali ed in particolare sulla educazione alla cittadinanza attiva, interloquendo con i ragazzi su importanti temi che in un prossimo futuro si troveranno ad affrontare sia da cittadini responsabili sia da lavoratori».

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 17 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore