Lampadine bruciate al semaforo: automobilisti fate una colletta!

Sicurezza stradale: sempre colpa degli automobilisti? Un lettore racconta quanto accade ad un semaforo sulla Besozzo Vergiate

Egregio direttore.
Le scrivo in merito al fiume di parole che si scrivono a riguardo della sicurezza sulle strade.
Tutti parlano a ragione della poca disciplina degli automobilisti italiani.
Si spendono molti soldi per installare autovelox, semafori con fotocamera e fare controlli con etilometri.
Ma da una settimana o forse più sulla SS Vergiate Besozzo al primo semaforo in direzione di Vergiate
c’è un semaforo che ha 2 lampade del rosso (su un totale di 3) che sono spente.
Io mi chiedo, con tutti i vari Autovelox e Photored che sono installati su questa strada statale, che danno molti introiti alle varie amministrazioni, sarà mai possibile che nessuno abbia da spendere 5 euro per cambiare 2 lampadine, o dovremmo essere noi automobilisti indisciplinati a fare una colletta per comperarle ?
La sicurezza sulle strade si costruisce anche rendendo sicure le strade a prescindere dagli utenti che le percorrono quotidianamente, subendo spesso più disagi che servizi.

Lettera firmata R.L

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.